Thiem:"Federer-Djokovic-Nadal frenano i giovani.Doping? Il tennis è pulito"


by   |  LETTURE 6759
Thiem:"Federer-Djokovic-Nadal frenano i giovani.Doping? Il tennis è pulito"


Con le Atp Finals alle porte il tennista austriaco Dominic Thiem ha concesso una lunga intervista ad una rivista tedesca. Si sono trattati diversi temi, parlando sia della sua carriera che di attualità con riferimento agli ultimi problemi sul doping, che, hanno coinvolto l'intero mondo dello sport.

Ecco le sue parole: Sui grandi Slam: "Siamo in una situazione eccezionale: abbiamo campioni come Federer, Djokovic e Nadal che hanno vinto 16 Slam e oltre a testa, più di chiunque altro prima. Allo stesso tempo questa è una sfortuna per noi giovani che dobbiamo essere in grado di confrontarci con i 3 tennisti più forti di tutti i tempi.

Sui Big3: "Rispetto agli altri la differenza più grande è la costanza. Ho sconfitto tutti e 3, anche in grandi tornei, ma devo dire che loro, indifferentemente dalla superficie e dal torneo, commettono davvero pochi errori.

Non concedono quasi nulla. In semifinale al Roland Garros ho dovuto battere Djokovic dopo 5 ore di battaglia. E se riesci a batterlo, dopo ti aspetterà il prossimo. Questo è davvero duro per noi giovani e da qui nascono le difficoltà a vincere uno Slam.

Sul 2019: "Sto migliorando sempre di più nelle grandi gare. L'anno scorso sono stato in finale al Roland Garros per la prima volta, quest'anno contro Nadal ho giocato al meglio per due set, poi ho subito i residui della stanchezza del match precedente (la semifinale contro Djokovic).

La prossima volta che sarò in una finale di un torneo del Grande Slam proverò a vincere"
Sui primi anni nel circuito: "Il primo anno da professionista è davvero duro. Ero il numero due nelle juniores, ho subito 7-8 sconfitte consecutive al primo turno e mi sono reso conto che era tutto diverso.

Avevo 19 anni ed ero nella 900esima posizione nel mondo. Nei primi 6 mesi di carriera ho perso molto" Sui rivali: "Non mi piace giocare contro David Goffin e Kei Nishikori, sono giocatori che riescono abbastanza facilmente a fermare le mie qualità"

Sulla questione doping: "Anni fa ci fu caso con Maria Sharapova. Il tennis è pulito e metterei la mano sul fuoco per tutti i migliori del circuito. Speso siamo controllati e poi, in fondo, non credo che anche con determinate sostanze uno riesca a giocare meglio.