Barty tira le somme: "È stato un anno pieno di alti e bassi"


by   |  LETTURE 952
Barty tira le somme: "È stato un anno pieno di alti e bassi"

Ha iniziato la stagione ai piedi delle prime dieci e l'ha chiusa in vetta. Ha vinto sul rosso di Bois de Boulogne il primo Slam in carriera e sotto il tetto di Shenzhen le Finals. "Bizzaro, onestamente" - ha detto ridendo Ashleigh Barty in conferenza stampa - "Mi è sembrato un anno infinito.

Un anno pieno di alti e bassi. Anche se penso che gli alti siano stati più dei bassi. Per superare settimane come queste devi battere le migliori e credo che quest'anno sia successo per la prima volta a Miami. Quelle vittorie mi hanno aiutato a crescere"

Barty, che ha aggiunto la bandierina australiana sul muro dei campioni delle Finals dopo Evonne Goolagong Cawley nel 1974 e 1976, è anche diventata la quinta giocatrice a vincere al debutto. A Shenzhen ha sfatato il tabù Svitolina (che aveva vinto i cinque precedenti) e ha anche staccato un assegno da quasi cinque milioni di dollari.

Il più corposo nella storia del Gioco. "Oggi ho sfruttato tutte le occasioni che ho avuto a disposizione. Ho giocato bene dal lato del dritto e credo sia stato importante anche spezzare il ritmo da fondocampo. In generale credo di aver apportato delle piccole migliorie tattiche e nell'esecuzione dei colpi" Photo Credit: Getty Images