Matteo Berrettini sogna uno Slam: "Perchè no..."


by   |  LETTURE 1899
Matteo Berrettini sogna uno Slam: "Perchè no..."

Matteo Berrettini è uscito indenne dal primo turno dell'Atp 500 di Vienna contro Kyle Edmund e da una caduta che ha per qualche minuto fatto tremare il 23enne azzurro che quest'anno dopo Wimbledon ha dovuto osservare un mese di stop per un analogo problema.

"La caviglia sta bene, penso si sia già visto durante la partita. Mi sono spaventato un po' perché ne avevo già sofferto, si era girata ma il fisioterapista mi ha tranquillizzato ed è andata meglio - ha detto Berrettini a Sky -.

Prossima partita con Dimitrov? Ci conosciamo abbastanza bene, la sconfitta contro di lui a Monte Carlo mi ha aiutato molto, da lì ho cambiato marcia" Berrettini è ottavo nella Race: "Giocare le Finals sarebbe qualcosa di incredibile, qualcosa a cui non avevo pensato prima dell'inizio della stagione e persino prima degli US Open, quando ero reduce tornato da un altro infortunio alla caviglia.

È difficile capire cosa sta succedendo, tutto sta accadendo così in fretta. Cerco di godermi ogni momento e ogni partita" Per essere nei primi otto sarà importante andare in fondo a Vienna: "Mi piace molto il torneo, è davvero bello qui, c'erano molte persone per un primo turno, cosa molto rara"

L'unica cosa negativa: "Non vedi mai il sole, adoro giocare all'aperto" Infine sugli obiettivi futuri: "Ho raggiunto una semifinale Slam senza sentirmi realmente pronto, quindi perché non un titolo del Grande Slam?"