Sinner senza limiti: "Voglio Slam e numero uno". Piatti: "Sembra Djokovic"


by   |  LETTURE 21585
Sinner senza limiti: "Voglio Slam e numero uno". Piatti: "Sembra Djokovic"

Jannik Sinner è stato il grande ospite di Sky Sport 24 in collegamento da Vienna. Il tennista altoatesino ha parlato delle grandi aspettative che tutta l'Italia pone su di lui. "Serve un po' di tempo, ho iniziato a giocare a tennis un po' più tardi rispetto agli altri ragazzi.

Ovviamente quest'anno è andato bene, ho battuto giocatori forti e soprattutto la scorsa settimana mi ha aiutato molto. Non mi pongo limiti, il sogno è vincere degli Slam. Vogliamo arrivare numero uno, su questo non ci sono dubbi perché ho un buon team, Riccardo (Piatti) che è come un papà per me, ci stiamo conoscendo molto bene.

Sono molto felice di averlo dalla mia parte. Sono in buone mani" Sui paragoni che fanno tra lui e Roger Federer o altri campioni: "Articoli del genere non li leggo nemmeno. Ognuno è diverso. Provo a tirare fuori le cose positive.

Bisogna superare la pressione per diventare forte" La parola passa a Piatti: "Jannik è un progetto che parte da lontano, che è cominciato quando aveva 13 anni, è venuto a Bordighera, abbiamo visto che era certamente un talento importante e quest'anno è cresciuto e il lavoro ha pagato.

Ma non dobbiamo fermarci sui numeri attuali perché il processo è lungo. Non sono sorpreso da ciò che sta facendo perché ha il potenziale ma deve lavorare e migliorarsi. Quando affronta giocatori più forti tipo Wawrinka, le problematiche cambiano.

Deve crearsi l'esperienza giocando di più in tornei importanti. È simpatico e intelligente, un ragazzo piacevole. Il suo sogno è un nostro lungo" Infine un paragone interessante: “Ho avuto Djokovic all’età di Jannik e lui è molto simile a Nole.

Djokovic ha sempre voluto migliorarsi e anche adesso che è numero 1 al mondo pensa a farlo. Se Jannik vuole avvicinarsi a Nole deve concentrarsi sul miglioramento”.