Ashleigh Barty: "Bertens mi ha costretto a giocare al limite"


by   |  LETTURE 745
Ashleigh Barty: "Bertens mi ha costretto a giocare al limite"

La finale del WTA Premier Mandatory di Pechino non poteva essere più entusiasmante. Ad affrontarsi saranno infatti due delle giocatrici che più hanno impressionato negli ultimi 12 mesi: Ashleigh Barty e Naomi Osaka.

Quest’ultima, giustiziera di Bianca Andreescu ai quarti, ha passeggiato in semifinale, liquidando in due set la campionessa in carica Caroline Wozniacki; mentre è stata senz’altro più complicato il match di Barty, impostasi al terzo su Kiki Bertens dopo aver salvato anche match point.

“È stata una partita davvero dura, contro un’avversaria che ti costringe sempre a giocare al limite, dal primo all’ultimo punto” ha commentato la campionessa in carica del Roland Garros in conferenza stampa.

“Bertens è una giocatrice estremamente aggressiva, che ti forza l’avversaria a giocare a sua volta in modo aggressivo e rischioso in alcuni frangenti”. All’ultimo atto la attende, come detto, Naomi Osaka, con cui conduce 2-1 nei precedenti, l’ultimo dei quali risale però a giugno 2018.

“Non affronto Osaka da diverso tempo” ha infatti sottolineato la stessa Barty. “Le ultime due volte sono state in Australia e a Nottingham, se non ricordo male”. A prescindere da come si concluderà il match di domani, Ashleigh è comunque certa di restare numero 1 a fine torneo.

Photo Credit: WTAtennis