Direttore Montreal:"Perso almeno mezzo milione di euro per forfait Monfils"


by   |  LETTURE 6847
Direttore Montreal:"Perso almeno mezzo milione di euro per forfait Monfils"

Essere direttore o organizzatore di un torneo Master 1000 che non ha un tetto retrattile sul campo centrale non è la cosa più rilassante del mondo. Lo sanno bene Angelo Binaghi & co. a Roma - ancora nei ricordi purtroppo di tanti appassionati il terrificante mercoledì di pioggia quest'anno - lo sa bene Eugene Lapierre, che dirige la Rogers Cup di Montreal.

Sia il torneo italiano che canadese hanno provato e stanno provando ad avere una copertura, e se al Foro Italico probabilmente il progetto non verrà mai portato a compimento per problemi burocratici, in Canada Lapierre ha recentemente dichiarato, alla vigilia dell'evento, l'intenzione di investire 70 milioni di dollari per avere un tetto entro il 2025.

I danni per questa grave mancanza si sono visti sabato quando Gael Monfils ha dovuto tirarsi indietro per problemi alla caviglia dalla semifinale contro Rafael Nadal dopo aver giocato per due ore e mezza contro Roberto Bautista Agut soltanto qualche ora prima.

Il match tra il francese e lo spagnolo era in programma venerdì sera, ma la pioggia battente ha costretto un pesante rinvio di 16 ore. "E' chiaro che se avessimo avuto un tetto, questo non sarebbe successo - ha detto Lapierre in conferenza stampa parlando della rinuncia di Monfils -.

Avremmo tranquillamente finito il programma dei quarti come di consueto il venerdì. Ma situazioni così succedono spesso ovunque. Ecco perchè se vogliamo garantire lo spettacolo e vogliamo promuovere il prodotto nel modo giusto, dobbiamo avere un tetto.

Una sessione serale del genere vale un milione. Ma quest'anno per la prima volta abbiamo un'assicurazione per gli ultimi tre incontri, due semifinali e la finale. Devo vedere i dettagli del contratto. Potremmo scendere a mezzo milione.

Ma comunque perderemo qualche centinaia di migliaia di dollari. Quest'anno potrebbe essere un'edizione record ugualmente ma sarebbe stato meglio se questo inconveniente non si fosse verificato"