Serena Williams: "Dopo tanto tempo, mi sento bene fisicamente"


by   |  LETTURE 4054
Serena Williams: "Dopo tanto tempo, mi sento bene fisicamente"

Serena Williams ha raggiunto la semifinale di Wimbledon per la 12ma volta nella sua straordinaria carriera. Nonostante una condizione ancora approssimativa, l’ex numero 1 del mondo ha regolato la connazionale Alison Riske proseguendo la sua caccia verso il record di titoli Slam di Margaret Court.

“È difficile dire con esattezza a che punto sono ora. Non ho avuto molto tempo per preparare la stagione su erba, ho avuto una serie di infortuni che mi hanno impedito di essere al 100% qui a Wimbledon. Questa è la prima volta dall’Australian Open che mi sento veramente bene fisicamente, è stato un anno complicato per me, ma piano piano le cose si stanno sistemando” – ha dichiarato Serena in conferenza stampa.

Il match si è rivelato più duro del previsto: “È stata una partita molto difficile, ma sapevo che Alison arrivava in fiducia dopo aver disputato un torneo spettacolare. Ha battuto tante giocatrici con una classifica migliore di lei e oggi mi ha dato del filo da torcere.

Può lasciare Wimbledon soddisfatta del grande lavoro che ha svolto”. Serena ha accusato un dolore alla caviglia nel corso della partita: “Ora non mi fa molto male, ma dovremo aspettare un paio d’ore per vedere come si evolve la situazione.

Non sembra un infortunio grave, quindi cercherò di essere pronta per le semifinali di giovedì”. La minore delle sorelle Williams è consapevole di avere una grande chance dopo la finale persa lo scorso anno: “Sono contenta di avere un’altra opportunità di fare qualcosa di eccezionale in un torneo come questo.

Più avanzi nel torneo, più la tensione cresce, è difficile da spiegare, soltanto i giocatori professionisti possono capire questa sensazione”. Non poteva mancare un accenno alla multa inflittale per aver danneggiato un campo lanciando la sua racchetta.

“È tutto passato e l’ho già dimenticato, non ci ho pensato oggi, mi hanno sanzionata perché ho lanciato la racchetta”.