Berrettini: "Orgoglioso di me, tanti momenti difficili. Finale incredibile"


by   |  LETTURE 2997
Berrettini: "Orgoglioso di me, tanti momenti difficili. Finale incredibile"

Numero 22 del mondo nella classifica ATP, numero 14 nella Race. E' un 2019 da sogno, inaspettato per Matteo Berrettini che a Stoccarda, battendo Felix Auger-Aliassime 6-4 7-6, ha conquistato il suo terzo titolo in carriera.

Un torneo perfetto per il romano che ha battuto avversari pericolosi come Nick Kyrgios o Karen Khachanov nel corso dell'ATP 250 tedesco. "Su erba, il primo torneo dell'anno su questa superficie, ho battuto così tanti giocatori forti...ci sono stati tanti momenti difficili - ha ammesso Berrettini -.

Non ho mai perso il servizio, ma tutte le partite sono state lottate e sono contento per ciò che ho fatto in campo perchè rimanere sul pezzo mentalmente è stato complicato. Sono orgoglioso di me. E' stata una finale incredibile.

Abbiamo avuto entrambi delle possibilità, tanti set point per lui e match point per me" Sensazioni positive anche fuori dal campo per Berrettini: "Ci sono stati tanti italiani che fin dal primo giorno di allenamento mi hanno sostenuto e mi hanno chiesto foto.

Sono contento perchè viaggiamo tanto nel corso dell'anno ed è sempre bello incontrare gli italiani e parlare in italiano" Le parole dello sconfitto, Auger-Aliassime: "E' stata una settimana straordinaria al di là del risultato odierno.

Mi sono sorpreso in ogni match e raggiungere la mia prima finale su erba è straordinario. Ho dato tutto ma lui ha giocato meglio nei momenti importanti, meritando la vittoria"