Adriano Panatta: "Berrettini diventerà top 10, Tsitsipas futuro n°1"



by   |  LETTURE 16025

 Adriano Panatta: "Berrettini diventerà top 10, Tsitsipas futuro n°1"

Adriano Panatta, ultimo tennista italiano capace di trionfare in un torneo del Grande Slam nel singolare maschile, vincitore al Roland Garros nel 1976, rappresenta un grosso punto di riferimento per tutti i tennisti azzurri.

Raggiunto al Tennis club Parioli a Roma intento a dirigere la Wellness Cup, torneo di doppio con diversi personaggi dello spettacolo in campo, ha rilasciato qualche dichiarazione sull'astro nascente del tennis azzuro - Matteo Berrettini - che nel frattempo aveva appena finito di abbattere in due rapidi set il numero 9 al mondo Karen Khachanov qualificandosi per i quarti del torneo di Stoccarda: " “Berrettini? Lo vedo molto bene.

La prima volta che lo seguii all’Aniene dissi: può diventare un giocatore di tennis. Ora lo è diventato. Sta migliorando gradualmente e questo rafforza quelli che sono i miglioramenti di un giocatore. E’ un tennista molto potente, è molto alto, serve bene.

Comincia ad avere un’ottima classifica e spero possa raggiungere i primi 20, magari i primi 10, gli auguro tutto il bene perché è un ragazzo straordinario”. Un commento poi sulla top ten raggiunta da Fabio Fognini.

“Non me ne sorprendo, sono anni che dico che Fognini deve stare fra i primi 10, è il posto che gli compete. Vediamo se riesce a migliorare ancora, mi sembra che ora stia meglio in campo come sistema nervoso, gli auguro di giocare ancora bene”.

Nella hit parade mondiale il ricambio ancora non c’è: Nadal ha fatto 12 al Roland Garros e i primi tre sono sempre gli stessi: “Nadal è un caso più unico che raro, Federer è un caso da extraterrestre se a quasi 40 anni gioca a quei livelli lì, Djokovic a 33 anni è il numero uno.

I giovani faranno un po’ più fatica, ma alla fine questi tre si leveranno di mezzo e toccherà alla nuova generazione”. E chi prenderà il comando? “Quello che preferisco è Tsitsipas.

Mi piace molto come gioca e poi ha ancora margini di miglioramento e qualche difetto: se glielo mettono a posto in 2-3 anni può diventare il numero 1”.