Corrado Barazzutti: "Fabio Fognini può fare molto bene al Roland Garros"


by   |  LETTURE 2516
Corrado Barazzutti: "Fabio Fognini può fare molto bene al Roland Garros"

Corrado Barazzutti, ex numero sette del mondo ed attuale capitano della squadra italiana di Coppa Davis, ha rilasciato un’interessante intervista alla Gazzetta dello Sport. Barazzutti è partito dalla 76ª edizione degli Internazionali BNL d’Italia.“Immagino che il pubblico sia stato piacevolmente sorpreso dai nostri giovani.

Hanno visto giocare Jannik Sinner nel tabellone principale, Lorenzo Musetti e Giulio Zeppieri nelle pre qualificazioni. Sinner ha vinto il primo turno contro Steve Johnson giocando molto bene, ed ha disputato un’ottima partita anche contro Stefanos Tsitsipas.

È un momento molto buono per il tennis italiano, abbiamo tantissimi giocatori e un grande futuro”. Parlando nello specifico di Fabio Fognini, che ha raggiunto l’undicesima posizione del ranking ATP, Barazzutti ha aggiunto: “Fabio sta giocando molto bene.

Ha avuto un periodo negativo all’inizio dell’anno, ma ha recuperato alla grande. Contro Tsitsipas poteva giocare meglio, non è stata una delle sue migliori partite, però è un momento positivo per lui.

Credo sia consapevole del fatto che se gioca bene può battere qualsiasi giocatore, può raggiugnere un risultato importante al Roland Garros. Tutti pensavano che Matteo Berrettini potesse battere agevolmente Diego Schwartzman, ma l’argentino ha disputato una grande settimana, impegnando anche Novak Djokovic.

I giocatori possono subire la pressione, ma ci sono anche validi avversari da battere”. Barazzutti ha poi conluso il suo intervento parlando delle ATP Finals di Torino. “Le Finals sono una grande vittoria per la nostra Federazione, che ha ottenuto grandi risultati negli anni dal punto di vista tecnico sia in Coppa Davis che in Fed Cup.

Le nostre ragazze hanno vinto tornei dello Slam e il tennis maschile è in continua crescita. Abbiamo in Italia il Masters 1000 di Roma, le Next Gen ATP Finals e adesso le ATP Finals. Sarebbe il massimo potere avere a Torino qualcuno dei nostri giocatori: completerebbe questo quadro felice “.