Barazzutti: "Ho aiutato Fabio Fognini a mettere ordine nel suo tennis"


by   |  LETTURE 6248
Barazzutti: "Ho aiutato Fabio Fognini a mettere ordine nel suo tennis"

Il trionfo di Fabio Fognini al Masters 1000 di Monte Carlo rimarrà per sempre impresso nella mente di ogni tifoso italiano. Uno dei segreti del tennista ligure è l’eccellente team costruito nel corso degli anni; team che vede Franco Davin come figura principale e Corrado Barazzutti come allenatore aggiunto.

Proprio l’attuale capitano della squadra italiana di Coppa Davis ha parlato del suo rapporto con Fognini in una recente intervista al Corriere dello Sport. “Diciamo che nelle ultime settimane l’ho aiutato a mettere ordine nel suo tennis: la settimana scorsa, a Marrakech aveva perso una brutta partita con Vesely, ma i segnali iniziavano a vedersi, avevano ricominciato a ragionare con freddezza.

Poi, certo, nel tennis serve anche fortuna, fa parte del gioco. Qui al primo turno era sotto 6-4, 4-1 contro Rublev, a un passo dall’uscire dal torneo, al secondo non ha neppure giocato per il ritiro di Simon. Ma stavolta ha giocato una partita formidabile, contro il più forte di sempre sulla terra.

E a una velocità impressionante. Ho cercato di farlo tornare al suo gioco, che è fatto di variazioni, di cambio di ritmo, di palle corte, di tocco e di talento. Un po’ abbiamo anche ripulito la tecnica, quella del dritto soprattutto, e anche un po’ del rovescio.

Ai tennisti però capita così: perdi due, tre partite e incominci ad andare in crisi, a perdere i punti di riferimento. C’è ancora da lavorare, Fabio deve servire un po’ meglio, stare più vicino al campo.

Ora lo riconsegnerò a Davin, anche se continuerò a stargli vicino”. Nel frattempo, anche Matteo Berrettini, che ha vinto il suo match di primo turno a Budapest contro Mikhail Kukushkin, ha espresso tutta la propria ammirazione nei confronti di Fognini.

“È stata una partita difficile contro Kukushkin, mi sono sentito bene in campo, avevo la sensazione di poterlo sempre brekkare. Fabio é stato incredibile a Monte Carlo. È riuscito a migliorare partita dopo partita.

Ovviamente la vittoria più importante è stata quella in finale, ma nel turno precedente aveva battuto Rafael Nadal con una prestazione incredibile. Sono davvero felice per lui e per il tennis italiano in generale”.