Nadal frecciata a Djokovic: "il Consiglio non ha fatto un buon lavoro"


by   |  LETTURE 8474
Nadal frecciata a Djokovic: "il Consiglio non ha fatto un buon lavoro"

Un buon esordio con soli due game lasciati a Jared Donaldson, e una conferenza che va a trattare vari temi, quasi tutti estranei al secondo turno vinto contro l’americano a Indian Wells. Durante la conferenza stampa post-partita Rafa Nadal prende una posizione chiara e netta contro l’operato del Consiglio dei giocatori e, dunque, contro Djokovic.

«Mi sento bene, la verità è che amo giocare qui, è un torneo in cui mi sento molto a mio agio», dice un soddisfatto in conferenza stampa, lui che nel deserto californiano ha vinto tre volte.

Rafa torna poi sulla sconfitta subita contro Kyrgios in Messico: «Sono arrivato ad Acapulco senza un buon allenamento per il problema alla mano, e ho perso un match che avrei anche potuto vincere visto le tantissime opportunità che non ho sfruttato».

Qualche complimento al fantastico torneo di Indian Wells e al suo proprietario: «L’intero team che gestisce il torneo sta facendo un ottimo lavoro. Possiamo solo ringraziare Larry Ellison perché sta aiutando molto il nostro sport».

A Nadal viene chiesto poi se ha dei rimpianti nella sua carriera: «Ho sempre cercato di fare le cose nel miglior modo possibile. Ho commesso, chiaramente, degli errori e trovo stupido dire che non cambierei nulla, suonerebbe arrogante.

Penso che fare errori sia un bene, ti permette di fare esperienza e di imparare – dice Rafa – il tennis non è stata l’unica cosa della mia vita, ho sempre cercato di godere la mia vita personale. Sono sempre stato focalizzato sullo sport, ma non ho smesso di pescare, andare alle feste o fare altri sport con i miei amici.

Sento di non aver perso molte cose nella mia vita, quindi sono orgoglioso di questo». Impossibile non parlare del tema caldo del momento, ovverosia dell’addio di Chris Kermonde dal vertice dell’Atp: «Sono onesto e so che non posso dire molto, ma sono rimasto deluso dal fatto che nessuno si è degnato di chiamarmi per informarmi di questo, di qual è il vero motivo per cui Chris non sarà più con noi.

I giocatori presenti nel Consiglio ci rappresentano tutti e per prendere una decisione come questa devono parlare con tutti». «Se ci sono molti giocatori nella mia stessa situazione, è probabile che il Consiglio non abbia fatto bene il suo lavoro – prosegue Nadal - credo che dopo 18 anni in questo mondo, ho una prospettiva che può aiutare a sapere di cosa abbiamo bisogno, non ho alcun interesse personale».

Con queste considerazioni, il maiorchino prende una chiara posizione, opposta a quella di Djokovic. Infine, Rafa ha speso un paio di parole per il ritorno di Federer sulla terra battuta: «È una cosa fantastica sia per i tornei sia per i tifosi. È un’ottima notizia per il tennis quando giocano i migliori».