I rimpianti di Soderling: "Senza malattia vittorie Slam e numero uno"


by   |  LETTURE 3667
I rimpianti di Soderling: "Senza malattia vittorie Slam e numero uno"

In un'intervista a "Fede col Tenis", l'ex numero quattro del mondo Robin Soderling ha parlato della mononucleosi che lo ha costretto a ritirarsi ufficialmente dal tennis nel dicembre 2015. L'ultima partita nel circuito professionistico giocata da Soderling è stata la finale vinta contro David Ferrer a Bastad.

Proprio dopo quel torneo è iniziato tutto: "Ero di ritorno a Stoccolma in auto e ho iniziato a perdere la vista e l'udito, mia moglie è passata al volante e da lì sono entrato in un tunnel. Non ricordo nulla di quello che è successo nei primi sei mesi.

Avevo paura di rimanere paralizzato. Avevo un battito cardiaco di 180 pulsazioni al minuto. Ho lottato per tanti anni, e non appena iniziavo a sentirmi meglio e a spingere di nuovo a livello fisico, tutti i sintomi che avevo tornavano a farsi sentire.

Ancora oggi devo stare attento a non sforzarmi troppo. Oggi sono in grado di leggere il mio corpo e i segnali che mi manda per evitare che si ripeta" Impossibile non esprimere dei rimpianti quando gli chiedono cosa avrebbe realizzato nel tennis senza la malattia: "I giocatori che di solito battevo, come Wawrinka e Cilic, hanno vinto degli Slam e credo che avrei avuto l'opportunità di vincere almeno uno o più.

Avevo un'età ideale per giocare a tennis quando ho dovuto fermarmi. Ero disposto a lavorare per vincere uno Slam e diventare numero uno del mondo anche per poche settimane quando Roger, Rafa o Novak erano ai box per infortunio"

La vittoria più celebre senza dubbio l'ottavo di finale del Roland Garros 2009 vinto ai danni di Rafael Nadal. Soderling rimane l'unico insieme a Novak Djokovic ad aver battuto lo spagnolo sul rosso di Parigi.

"È stato senza dubbio uno dei giorni più speciali della mia vita. Ricordo che ero molto concentrato prima di quella partita. Tutti credevano che avrei perso, e io ero l'unico a dover credere di poter vincere e questo mi ha fatto pensare nei giorni precedenti che ero il favorito"