Tiafoe: "Il tennis sta cambiando, presto i next gen vinceranno gli Slam"


by   |  LETTURE 3150
Tiafoe: "Il tennis sta cambiando, presto i next gen vinceranno gli Slam"

La straordinaria avventura di Frances Tiafoe agli Australian Open si è interrotta ai quarti di finale, al cospetto del 17 volte campione Slam Rafael Nadal. In conferenza stampa, il giovane statunitense, uscito sconfitto 6-3 6-4 6-2, ha subito sottolineato la grandezza del suo avversario.

È stato un match davvero complicato” ha detto Tiafoe ai media. “Voglio dire, lui è un giocatore formidabile, la sua palla rimbalza in modo folle. Il campo era molto lento, ed io mi sentivo come se colpissi le palle troppo presto.

Ho trovato per poco tempo un buon ritmo, ma lui era troppo più a suo agio di me. Ho avuto un paio di palle break non ricordo quando nel secondo set, sul 3-2 o 4-3. Lui ha cominciato a non mettere dentro qualche prima, e penso che se avessi fatto il break lì, forse sarei un po’ rientrato.

Ma quando giochi con un tennista così forte, non puoi neanche mettergli pressione”. Tiafoe ha iniziato tutti i set con un break di svantaggio. “Rafa ha risposto meglio all’inizio dei set rispetto a quando era avanti di un break” ha spiegato l’americano.

Ed io sono salito al servizio quando ero sotto di un break, ho cominciato a servire missili. Dov’era il mio servizio quando stavamo 0-0? Chi lo sa”. Il gioco di Nadal e il campo lo hanno mandato spesso fuori giri.

Il campo è più grande degli altri su cui ho giocato” ha proseguito Tiafoe. “E poi lui sta molto dietro, perciò mi sentivo come se avessi più campo di quello che realmente c’era a disposizione.

Ma comunque lui ha fatto un lavoro incredibile in difesa, facendomi sempre colpire una palla in più. Lo fa da non so quanti anni. Giù il cappello. Ha giocato un match straordinario”. Tiafoe è comunque felicissimo della sua avventura a Melbourne.

Non pensavo potesse succedere una cosa simile” ha confessato il classe ’98. “Se mi aveste detto un mese fa che avrei giocato i quarti di finale nella Rod Laver Arena contro Rafa e sotto gli occhi di Rod Laver, sarei scoppiato a ridere.

È incredibile. Essere ai quarti di uno Slam, sapere di poterlo fare, questo è il successo più grande”. Grazie alla splendida cavalcata di queste settimane, Tiafoe sarà da lunedì numero 2 d’America.

E non poteva mancare un pensiero dedicato alla next gen. “De Minaur ha avuto un grande inizio, Tsitsipas è ancora dentro. Shapovalov ha ovviamente giocato alla grande. È bello essere parte di questo gruppo, speriamo di poter continuare”.

Un next gen può vincere uno Slam? “Perchè no?” ha risposto Tiafoe. “Il tennis sta andando nella nostra direzione. Rafa e gli altri campioni non diventeranno più giovani.

Stiamo giocando davvero bene, e al momento giusto sfrutteremo l’opportunità. Io non l’ho fatto oggi, ma sta arrivando il momento”.