"Tsitsipas ha alcune caratteristiche di Borg, Murray e Federer" - Rusedski


by   |  LETTURE 8253
"Tsitsipas ha alcune caratteristiche di Borg, Murray e Federer" - Rusedski

Stefanos Tsitsipas si è assicurato la più grande vittoria della sua carriera battendo il vincitore dell’ultima edizione di Wimbledon, Novak Djokovic, negli ottavi di finale delle Rogers Cup di Toronto con il risultato di 6-3 6-7 (5-7) 6-3.

Anche se Djokovic ha provato a non mollare fino all’ultimo punto, il diciannovenne non ha mai perso la fiducia e la concentrazione necessarie per vincere il match. Tsitsipas ha così raggiunto il suo primo quarto di finale in un Masters 1000 e gli analisi di tennis di Sky Sports, Greg Rusedski e Annabel Croft, ritengono che questo potrebbe essere l’inizio di qualcosa di speciale per il greco, che ha il gioco, la personalità e lo stile per fare un grandissimo cammino in questo sport.

Mi ricorda un po’ Bjorn Borg. Fa tutte le cose giuste, è spettacolare come tennista ed è stato semplicemente sensazionale nel mettere in campo una calma e una concentrazione costanti, che gli hanno permesso di non emozionarsi nel momento di chiudere la partita” , ha detto Rusedski.

È una delle rare occasioni in cui Djokovic non è riuscito ad incidere con la risposta, procurandosi solo due break point in totale. Davvero impressionante. Da dire poi che Tsitsipas è arrivato insieme ad Alexander Zverev nel mondo dei professionisti dalla Next Gen “.

L’ex numero quattro del mondo ha poi continuato il suo discorso di elogio al greco: “Ha la natura competitiva di Andy Murray, ma ha anche una calma simile a quella di Roger Federer. Questa è la più grande vittoria della sua carriera, è bello vedere uno dei giovani tennisti prendersi la scena, è tutto merito di Zverev.

Ora Tsitsipas ha messo il suo nome in primo piano”. Croft crede che abbiamo assistito a “qualcosa di veramente speciale”, queste le sue parole. “È stata una performance straordinaria, è una di quelle partire a cui tutti potremo guardare indietro e dire: ‘Mio Dio, è stato l’inizio di qualcosa di veramente grande’ .

Ha giocato un tennis meraviglioso, la sua forza mentale mi ricordo quella di Murray quando era molto giovane. Il greco è già incredibilmente maturo, non solo per il modo in cui si comporta, ma anche per il modo in cui gioca, è come se giocasse da anni, un ritorno al tennis stile anni 80’.

Adoro il modo in cui si fa avanti, tira bene e sa come posizionarsi. Usa molto bene i colpi vicino la rete, cercando di finire il punto molto velocemente. Oggi ha fatto tutto in modo impeccabile. Ha un’ampia scelta di colpi a sua disposizione, è un tennista meraviglioso. Se questo è solo l’inizio, allora cosa dobbiamo ancora vedere? “.