Dominika Cibulkova: "Ero infuriata con l'arbitro di sedia"

La slovacca ha parlato della situazione controversa che si è creata a fine primo set

by Sergio Domenici
SHARE
Dominika Cibulkova: "Ero infuriata con l'arbitro di sedia"

Dominika Cibulkova era infuriata con l’arbitro di sedia Jenny Zhang per aver cambiato una chiamata in un momento controverso nel primo set della sua partita vittoriosa del quarto turno contro Hsieh Su-Wei. In quello che si è rivelato essere il gioco finale del primo set, la slovacca ha visto chiamarsi fuori una risposta ma successivamente l’occhio di falco ha dimostrato il contrario.

Il punto è stato inizialmente dato a Cibulkova nonostante Hsieh abbia messo in campo la palla dopo la chiamata iniziale. Hsieh era furiosa, si è rifiutata di proseguire e continuamente diceva a Zhang: “Ho messo dentro la palla!

” Ha chiesto all’arbitro di entrare in campo e dopo una lunga discussione, in cui è stato coinvolto anche il supervisore, è stato deciso di ripetere il punto: allora si è scatenata l’ira della Cibulkova.

Nonostante la slovacca abbia vinto 6-4 6-1 non si era calmata neanche dopo un’ora il punto e addirittura in conferenza stampa. “E’ ridicolo quello che è successo,” si è lamentata Cibulkova.

"Non è mai successa nella mia carriera una cosa del genere. Di solito si lamenta soltanto un giocatore, anch’io a volte mi lamento per una chiamata che reputo sbagliata ma l’arbitro non hai mai cambiato la propria decisione.

Penso sia stata una pessima decisione del supervisore e dell’arbitro. La decisione corretta era quella di mantenere la decisione presa. ” Poi le è stato chiesto se avesse qualche simpatia per Hsieh e per il suo sentimento di ingiustizia: “Mi è successo tante volte la stessa cosa capitata a Hsieh ma il punto è stato sempre dato all’altro giocatore.

Non era una questione personale con la giocatrice avversaria ma soltanto con l’arbitro di sedia. Sono una giocatrice leale,” ha concluso la slovacca.

Dominika Cibulkova
SHARE