Fabio Fognini e il pubblico di Roma: "Finalmente connettiamo"


by   |  LETTURE 2526
Fabio Fognini e il pubblico di Roma: "Finalmente connettiamo"

Per la terza volta negli ultimi quattro anni Fabio Fognini ha raggiunto gli ottavi di finale del Masters 1000 di Roma. 12 mesi a farne le spese del ligure era stato il numero uno del mondo Andy Murray, stavolta ad arrendersi è un altro top player come Dominic Thiem che era reduce dalla finale di Madrid. “Penso di aver giocato una partita di livello, ho passato i primi game del secondo set aspettando lui e ho sbagliato qualcosina in più - ha detto Fognini in conferenza stampa-. Sul 5-0 dovevo ormai pensare al terzo e infatti ho iniziato carico, credo di aver meritato. È un’altra partita che metto in saccoccia con un livello più alto rispetto a lunedì anche se forse un po’ più discontinuo. Per come arrivavo a questo torneo non avevo nessuna pretesa ma ci tenevo a giocare davanti al mio pubblico. Finalmente connettiamo. Nell’anno in cui arrivai da top-15 (2014, ndr) dopo la vittoria su Murray in Davis, avevo più aspettative e giocai una partita orribile contro Rosol: non dimenticherò mai di essere uscito tra i fischi”.

Un ottimo torneo finora per Fognini nonostante non sia al meglio a livello fisico per un problema alla caviglia: “Sulla terra è tornato mentre era sparito all’improvviso ad Indian Wells e Miami. C’è qualcosa che non va quando scivolo, dopo Parigi mi prenderò sicuramente una pausa”. Infatti, non giocherà alcun torneo su erba prima di Wimbledon.

Dominic Thiem non è così abbattuto: "E' stato un buon match da entrambe le parti. Una lotta molto intensa praticamente dall'inizio alla fine. Sono deluso ovviamente, ma dal punto di vista del gioco non così tanto. Non è così dolorosa, anzi è una motivazione in vista della prossima settimana a Lione, dove giocherò con l'obiettivo di aggiustare alcune cose":