Errani: "Mal di stomaco". Seppi: "Sconfitta che fa male"


by   |  LETTURE 3121
Errani: "Mal di stomaco". Seppi: "Sconfitta che fa male"

È finita l'avventura di Sara Errani, battuta da Timea Babos per 6-3 7-6. La romagnola ha lottato fino all'ultimo e si è anche portata a set point nel tie-break del secondo set, ma il problema non era soltanto l'avversaria quest'oggi. "Purtroppo non mi sentivo bene - ha ammesso Errani -. Avevo problemi di stomaco già da ieri e non riuscivo a spingere e a forzare come avrei voluto. La pastiglia contro la nausea non ha fatto effetto. Purtroppo mi sta capitando spesso ultimamente, e prima di Parigi dovrò fare dei controlli. La verità che gli antinfiammatori che di recente ho dovuto prendere per lo stomaco non sono il massimo".

Esce con rimpianti Andreas Seppi, battuto da Lucas Pouille al rush finale nel terzo set: "Non ho giocato benissimo il tie-break, tante seconde da parte mia e lui ha messo solo prime. Peccato per il break al terzo in cui ero sul 40-15, ho sbagliato un dritto al volo facile per il 4-2. Due o tre punti sono girati dalla sua parte, episodi che alla fine ti fanno vincere o perdere.

Rispetto al match di Davis dello scorso aprile la differenza è che a Genova arrivavo dopo diverse settimane di stop, mentre qui avevo più ritmo. E’ una sconfitta che fa male, vincendo questo tipo di partite magari riesci ad andare avanti e giocare meglio. Adesso giocherò Ginevra e Parigi, poi sull’erba sono iscritto sia ad Hertogenbosch che ad Halle”.

Avventura finita anche per Filippo Baldi, battuto da Nikoloz Basilashvili al terzo set: “Non era una partita facile, fisicamente stavo bene - ha detto Baldi -. Lui tirava pallate da fondocampo, non è semplice trovare ritmo, mi è mancata continuità, nel terzo ho sbagliato qualche scelta ma non ho granché da rimproverarmi. La pioggia? Non mi ha creato problemi, non ha sospeso la partita una volta iniziata ma prima. Sono amareggiato per la sconfitta, volevo affrontare Djokovic perché non capita tutti i giorni, ma devo comunque riconoscere l’ottimo torneo che ho fatto. La settimana prossima mi allenerò e poi tornerò a giocare Challenger per essere in questi palcoscenici più spesso”.