Roger Federer: "Non penso di essere il migliore tennista del mondo"


by   |  LETTURE 9766
Roger Federer: "Non penso di essere il migliore tennista del mondo"

Non poteva iniziare meglio e più velocemente la campagna olandese di Roger Federer. Lo svizzero ha "polverizzato" Ruben Bemelmans per 6-1 6-2 in appena 46 minuti. "È stato molto sorprendente quanto siano andate bene le cose oggi - ha ammesso Federer a fine match -. La chiave è stata iniziare bene e mettere Ruben sotto pressione fin da subito e fargli sentire che doveva fare qualcosa di speciale".

Agli ottavi affronterà Philipp Kohlschreiber, battuto 12 volte su 12. "È una partita diversa, si passa da un mancino a un destro. Spero di fare un buon match. È come uno sprint verso il fotofinish. L'inizio sarà cruciale, non voglio andar sotto bensì essere concentrato per tutto il tempo. Mi piace giocare contro Philipp".

Rotterdam è uno dei pochi tornei dove Federer non è presente con la sua famiglia: "Non lo adoro ma va bene. Ed è pure San Valentino. È stato un match romantico oggi... ma posso dirvi di aver avuto giornate più romantiche!"

Sui suoi obiettivi: "Sono a 96 titoli e fare 100 sarebbe molto bello. Il numero uno sarebbe molto speciale. Le bambine potrebbero essere entusiaste. Non so nemmeno se sappiano che posso diventare numero uno questa settimana. È un traguardo che sento più per le persone che mi hanno aiutato a tornare, in modo particolare gli allenatori. Hai bisogno di obiettivi per avere successo".

Poi una dimostrazione di umiltà: "Non mi sveglio pensando di essere il migliore giocatore del mondo, non mi sento a mio agio in questo e non è nemmeno vero. Sto ancora giocando e non sapremo mai chi verrà dopo di me. I tempi sono cambiati molto, gli Slam sono molto più importanti di prima. Anni fa a Natale molti non andavano a giocare gli Australian Open".

Giocherà le Olimpiadi di Tokyo 2020? "Rio 2016 era un obiettivo per me. Se fino ad allora starò ancora giocando, fantastico. Ma non devo per forza giocare un'altra Olimpiade prima del ritiro. È troppo lontano e non so cosa accadrà fino ad allora. Sarebbe bello ma non posso dirlo per certo".