Sharapova: "La squalifica mi ha fatto crescere". E spara a zero sull'ITF


by   |  LETTURE 1567
Sharapova: "La squalifica mi ha fatto crescere". E spara a zero sull'ITF

In un'intervista al giornale tedesco Bild, Maria Sharapova ha ripercorso il complesso e al tempo stesso emozionante 2017 che la ha vista tornare alle competizioni dopo 15 mesi di squalifica per doping.

Non si è mai scoraggiata la tennista russa, che ha sottolineato come sia «sempre stata una persona forte - ha detto Sharapova a 10 giorni dall'inizio della nuova stagione in programma per lei a Shenzhen, Cina -. È così come mi hanno visto e come anch'io ho visto me.

Mi sono sentita male e sola, a volte ho scritto un diario. Ma nella fase della sospensione era difficile mettere per iscritto le cose. Molte persone al mio fianco mi hanno detto che durante la squalifica sono cresciuta come persona».

Il rientro a Stoccarda lo scorso aprile: «Avevo giocato quel match già nella mia mente. La notte prima dell'inizio del torneo, ho dormito meglio che mai. Immaginavo ogni scenario, ero pronta.

Sentivo tutto normale. Ma è stato uno shock essere di nuovo in gara. Nessuno può allenarsi per questo». Continuare fino a 36 anni come Serena Williams: «Ora non posso immaginarlo ciò.

Vorrei arrivare fino al 2020 e disputare le Olimpiadi di Tokyo. Ma se non dovesse accadere, non sarebbe una delusione». Sull'assenza di amicizie nel circuito: «Per certi versi il tennis è uno sport molto individualista.

In campo sei sola. Hai un team che lavora solo per te. In campo faccio il mio lavoro, sono totalmente concentrata. Fuori dal campo sono una persona molto diversa». Le critiche all'ITF: «L'importanza del tennis continua a crescere.

È giusto che sia così. Ma giocatrici e giocatori non vengono coinvolti quando ci sono cambiamenti. Le novità per il 2018 le ho scoperte su internet. E questo non può essere giusto».