Tennis World Italia
Tennis World
Rivista Tennis World
INTERVISTE TENNIS

Jack Sock e l'allarme in hotel di notte con Nadal e Thiem: 'È stato triste'

-  Letture: 2291
by Luigi Gatto

Sesta partita vinta al terzo set da Basilea per Jack Sock. Il numero nove del mondo ha vinto il primo match in carriera alle ATP Finals battendo Marin Cilic col punteggio di 5-7 6-2 7-6(4) dopo due ore e mezza. Nel terzo set il croato era avanti 3-0, poi il rientro in partita di Sock, che si sente sulle ali dell'entusiasmo: "Le rimonte che ho fatto a Parigi, quel primo set perso contro Verdasco (ai quarti, ndr), il primo set nella finale, mi hanno fatto acquisire fiducia, e anche questo match in questo senso è di aiuto.

Nel tie-break speravo soltanto che non colpisse di nuovo il nastro, cosa che aveva fatto già alcune volte oggi, ma è il tennis. È andato avanti 4-2, sono rimasto in partita e ce l'ho fatta". Alla domanda se sia sorpreso della sua stagione, Sock ha risposto: "No.

Non sarei qui se non pensassi di non poter avere la possibilità di vincere tornei, di giocare questo evento. Non sono un ragazzo che entra in tabellone ed è contento di fare terzo turno, quarti o qualsiasi altra cosa.

Sono qui per vincere partite. Non solo qui, ma in tutti i tornei. E se faccio le cose giuste e gioco correttamente, posso arrivare al weekend di ogni torneo. L'ho dimostrato ancor di più quest'anno, nonostante qualche momento negativo nel mezzo.

Ho 25 anni, non sono più un ragazzino. Sto facendo il possibile". Non ha avuto una nottata tranquilla Sock, disturbato nel pieno della notte da un allarme anti-incendio in hotel. "È stato uno dei rumori più fastidiosi che abbia mai sentito nella mia vita.

Siamo al secondo piano dell'hotel, e da quello che mi hanno detto chi lavora lì l'allarme era proprio dove sono io, al centro. E infatti pensavo fosse nella mia stanza. Super assordante e fastidioso, è durato un po'.

Inizialmente non pensavo se fosse una prova o meno. Poi ho capitato che erano le 4:00, e quindi speravo che non fosse una prova da parte dell'hotel. Sono stato in stanza per un po', che non è proprio la cosa più intelligente da fare se la cosa fosse stata veramente seria.

Non sono nemmeno sicuro per quale esatto motivo l'allarme sia scattato. Sono andato fuori, ho visto Rafa e Dominic. Tutti avevano freddo, erano coperti e volevano tornare dentro. Si congelava. È stato triste". Seconda sconfitta di fila al terzo set per Marin Cilic dopo quella con Alexander Zverev domenica.

assolutamente frustrante - ha ammesso il nativo di Medjugorie -. Anche oggi, all'inizio del terzo set ho giocato bene. Quando ho perso la battuta, ho sbagliato solo un paio di dritti e lui ha fatto un grande passante in corsa.

Poi il match è proseguito al tie-break dove si è deciso tutto in pochi punti. Ha avuto quell'incredibile nastro a favore, un rovescio lungolinea sul 5-4, che è stato qualcosa di grande considerando che non aveva giocato molti vincenti lungolinea durante la partita.

In entrambe le partite sono stato in una buona posizione per vincere, peccato non esserci riuscito". Se Zverev batte Federer stasera, Cilic ha ancora qualche piccola possibilità di approdare in semifinale.

"Sicuramente la guarderò. Ma non so chi sosterrò. Mi concentrerò soltanto su questo ultimo match con Roger per continuare a giocare bene". .

Powered by: World(129)