Tennis World Italia
Tennis World
Rivista Tennis World
INTERVISTE TENNIS

Del Potro: 'Zverev? Crescerà, anche Federer rompeva racchette da giovane'

-  Letture: 993
by Luigi Gatto

Juan Martin del Potro si è reso protagonista di una grande vittoria oggi a Shanghai, battendo agli ottavi Alexander Zverev per 3-6 7-6 6-4, un risultato che gli permette di tornare tra i primi 20 della classifica mondiale per la prima volta dal giugno 2014.

"Sto giocando molto meglio e in fiducia - ha detto l'argentino in conferenza stampa -. Ho migliorato tanto il mio rovescio e penso di avere altre cose da migliorare in vista del prossimo anno. Nei punti importanti uso ancora lo slice, ma contro Zverev o Rafa, devi giocare ogni colpo al meglio". Quindi in previsione sempre del 2018, ha detto: "Quest'anno non ho giocato l'Australian Open e non molto sulla terra.

Quindi il prossimo anno sarà interessante per vedere se sarò in salute e in buona forma. Cercherò di fare una buona preparazione invernale, uno dei miei obiettivi è giocare una stagione completa, 20-22 tornei sarebbe perfetto.

Se non accade niente di serio, cercherò di farlo. E se il mio livello continuerà a migliorare, mi avvicinerò ai migliori. Ma non è facile. Ho fatto uno sforzo grande per tornare ma ora sto bene". È attualmente numero 22 nella Race a 900 punti da Pablo Carreno Busta, che sarebbe l'ultimo al momento ad entrare alle ATP Finals. "Non sto pensando a Londra - ha chiarito del Potro -.

Ovviamente sarebbe molto positivo a livello mentale per me qualificarmi, ma non ci penso. So che se il mio livello continuerà a migliorare posso avere una chance, ma ci sono già 6-7 giocatori qualificati (in realtà solo tre ufficialmente, ndr) quindi sarà difficile.

Spero di giocare Stoccolma, Basilea e Bercy, poi si vedrà".Dopo aver subito il break sul 2-2 del terzo set, Zverev ha disintegrato la racchetta. "Ho visto la sua frustrazione, perché il suo servizio è molto importante per il suo gioco come lo è per il mio - ha riconosciuto Delpo -.

Ma è ancora molto giovane e ha bisogno di imparare, cosa che sta facendo. Ha tutto per essere nelle prime posizioni in futuro, ma queste cose accadono. Ricordo che quando Roger (Federer) era giovane rompeva racchette, quindi tutti possono rompere racchette (sorride, ndr).

Ma è un grande giocatore e un grande lottatore". Infine sulla qualificazione dell'Argentina ai Mondiali di calcio del 2018: "Mi sono svegliato alle 6:00, avere Messi in squadra è sufficiente per qualificarsi.

Sono contenti per i giocatori e il Paese". "Ha giocato un grande match - ha ammesso Zverev - probabilmente uno dei migliori della stagione. Ma per me è impossibile perdere un match dove sono stato brekkato una sola volta.

Eppure ho perso. Cose del genere possono accadere contro Karlovic o Isner, giocatori così. Nel game in cui mi ha brekkato ero avanti 40-15 o 40-0, mi è mancata la concentrazione. Ora sono incazzato". Sulla sua possibile partecipazione alle NextGen Finals di Milano: "Ne parlerò con tutto il mio team, ma tra questi due ovviamente Londra è il torneo più importante.

Se devo scegliere uno, ovviamente è Londra", ha concluso Zverev, che giocherà il suo prossimo torneo a Vienna. "Ho giocato un ottimo match con pochissimi errori (4 totali, ndr) - ha detto Rafael Nadal dopo la vittoria su Fabio Fognini -.

E ho giocato molto bene in tutti gli aspetti. Servendo bene, colpendo la palla in posizioni difficili, avendo il controllo del punto e andare a rete con successo. 6-3 6-1 contro un giocatore che ha battuto Verdasco e Pouille è un risultato ottimo".

Ieri 54 minuti per battere Donaldson, oggi 63. Quanto è importante stare così poco tempo in campo? "Sicuramente è una buona notizia, soprattutto in questa parte di stagione. Meglio così e non match lunghi.

Si preservano le energie, ma siamo qui per competere e non conta quanto si sta in campo. La cosa più importante è essere abbastanza competitivi per accettare tutte le situazioni. E domani ho un duro match contro Grigor, so che dovrò giocare al meglio se vorrò vincere.

E' il miglior livello che sto esprimendo quest'anno sul cemento, le sensazioni sono buone e il livello molto alto". Sul suo rendimento fisico, Nadal ha detto: "Non sono stato molto fortunato nella mia carriera, perchè ho avuto dei duri infortuni.

Per il momento quest'anno le cose stanno andando bene e ho giocato i tornei che ho voluto e mi sono allenato nel modo desiderato". .

Powered by: World(129)