Radwanska: "Fisicamente mi sento molto più vecchia, ma mentalmente no"



by   |  LETTURE 2756

Radwanska: "Fisicamente mi sento molto più vecchia, ma mentalmente no"

É difficile immaginare il circuito WTA senza di lei. Agnieszka Radwanska offre una solida e preziosa alternativa al tennis incisivo e potente di oggi. La "professoressa", soprannome con cui è nota nel circuito, segue tenacemente, in questo 2017, il suo sogno di aggiungere al suo ricco palmarés un titolo del Grand Slam.

A quasi 28 anni, Aga sta cercando di reinventarsi grazie a un inatteso cambio di racchetta, che dimostra quali siano le sue ambizioni e i suoi sforzi per mantenersi nell'élite del tennis femminile e per crescere come giocatrice.

Per dimenticare il brutto inizio di stagione, cerca il riscatto al Qatar Open, e proprio a Doha la polacca ha rilasciato una ricca intervista a Sport 360. "11 anni sul circuito sono talmente tanti che a volte faccio fatica a ricordare quando è accaduto questo o quello.

Fisicamente mi sento molto più vecchia, ma la cosa importante è che mentalmente sono ancora giovane", ha detto la vincitrice di 20 titoli WTA in carriera, il cui apice è rappresentato dal trionfo alle WTA Finals del 2015.

Il suo miglior risultato in un torneo dello Slam rimane Wimbledon 2012, quando raggiunse la finale. Per cercare di raggiungere un obiettivo ancora più alto, Radwanska ha preso una decisione difficile come può essere il cambio della racchetta: "É stata una decisione difficile.

Sto cercando di abituarmi perché ho trascorso molto tempo giocando con la stessa racchetta, ma negli ultimi anni ho capito che ci voleva un cambio", grazie al quale cercherà ora di dare più potenza alla palla rispetto a quanto fatto finora.

Per la polacca la delusione dell'Australian Open 2017, quando ha perso al secondo turno contro Mirjana Lucic-Baroni, è stata ormai digerita: "La verità è che lei ha fatto il miglior torneo della sua vita, ha giocato un tennis incredibile durante tutta la manifestazione.

Sono stata sfortunata, e ovviamente è stata una delusione uscire nella prima settimana", ammette Aga. Col torneo di Doha Radwanska ha un conto in sospeso, dato che sinora ha raggiunto per cinque volte le semifinali, senza mai riuscire ad andare oltre: "Ho un tabellone difficile e devo cercare di concentrarmi partita dopo partita", ha affermato la polacca.