Simona Halep e le spese da juniores: 'Non avevo sponsor poi arrivo' un ricco magnate...'

Anche Madison Keys parla dei sacrifici fatti per finanziare la sua carriera in giovane eta': 'Tempi duri anche per la mia famiglia'

by Luigi Gatto
SHARE
Simona Halep e le spese da juniores: 'Non avevo sponsor poi arrivo' un ricco magnate...'

Simona Halep non sarebbe probabilmente diventata una delle migliori giocatrici al mondo senza l'aiuto economico di un ricco benefattore. Stiamo parlando del romeno Corneliu Idu, che è entrato in scena quando Simona aveva 14 anni e giocava tornei internazionali.

"Non avevo alcuno sponsor", ha detto la Halep.. "I miei genitori hanno fatto del loro meglio per farmi arrivare dove sono ora, ma è stato ottimo per noi avere un aiuto." Diventare un tennista professionista richiede una somma di denaro pari a $306.000 dall'età di 5 a 18 anni, secondo la federazione tennis britannica.

La top 10 Madison Keys ha rivelato che i suoi genitori hanno speso intorno ai $50.000 all'anno per frequentare un'accademia di proprietà di Chris Evert quando aveva 10 anni. "Non è stata una decisione facile - ha detto la Keys, che ha guadagnato 3.3 milioni di soli prize money in carriera finora - Mia mamma non voleva farmi vivere in un dormitorio.

Mia mamma voleva che io crescessi mia sorella. Sono stati momenti difficili sia per le mie sorelle che per mia mamma, che ha dovuto lasciare il lavoro che amava fare." Dall'età di 14 anni le cose sono migliorare per la Keys grazie al contratto con la Nike, che "mi ha permesso di investire a pieno sul tennis." Fonte: CNN Le accademie sono particolarmente costose, tanto per citarne una la Mouratoglou Academy, inaugurata 20 giorni fa, ha un costo annuale di 54.250 euro: a disposizione dei ragazzi i migliori allenatori, dei servizi super efficienti sulla riviera francese e l'opportunità di frequentare l'università in stile americano.


Discorso pressoché identico per la Nadal Academy: chi vuole iscriversi per un anno, deve sborsare 56 mila euro.

Simona Halep Madison Keys
SHARE