Murray a 360° :´E´ difficile competere con Djokovic, Federer e Nadal´



by   |  LETTURE 1622

Murray a 360° :´E´ difficile competere con Djokovic, Federer e Nadal´

Andy Murray, diventato da poco marito di Kim Sears, ha trascorso la luna di miele a Barcellona e ha concesso un'intervista a Planeta Tenis nella quale ha tracciato un resoconto della prima parte della stagione:
"Mi sento bene, mi sono allenato dieci giorni a Barcellona dopo che mi ero riposato a Miami, venivo da due mesi difficili in cui ho disputato molte partite" Il 2015 dello scozzese è stato senza dubbio positivo dato che ha perso solo cinque partite, tre delle quali contro il numero uno del mondo, nonchè il giocatore più in forma del circuito, Novak Djokovic:
"Sta giocando molto bene.

Ha vinto tutti i tornei più importanti quest'anno ed è molto in fiducia. Penso di essergli stato molto vicino sia a Melbourne che a Miami, ma ho bisogno di qualcos'altro per batterlo". Il confronto con i Big3 del tennis mondiale non è sicuramente dalla parte di Murray:
"Federer, Nadal e Djokovic sono stati sempre molto continui.

Roger è a 80 titoli o poco più, anche Nadal ha vinto molto e penso che Djokovic sia a 51. Hanno sempre combattuto per i tornei più importanti, è difficile competere con loro, ma è stata un'esperienza importante che mi ha aiutato a crescere".

Dalla parte dello scozzese c'è però una carta d'identità più giovane e meno anni sul circuito maggiore:
Federer quest'anno festeggia 34 anni, sta giocando molto bene, ma non può farlo per sempre.

Un giorno si dovrà fermare, ovviamente. Rafa ha avuto una carriera lunghissima, è iniziata molto prima rispetto alla mia o a quella di Nole, a 17-18 anni era già numero due al mondo" L'ultimo commento di Andy, che debutterà sulla terra contro Mischa Zvererv, è di nuovo sull'incredibile regolarità tenuta dai più forti nei tornei più importanti:
"Non perdere mai prima dei quarti o delle semifinali di uno Slam, arrivando fino alla fine, penso sia impressionante.

Ovviamente i giocatori che sono dietro di noi miglioreranno, avranno più esperienza, ma spero di continuare ad arrivare fino in fondo, lavorando sodo".