Bjorn Borg ricorda i giorni del suo ritiro: ´In tanti pensavano che fosse solo un colpo di testa...´


by   |  LETTURE 10840
Bjorn Borg ricorda i giorni del suo ritiro: ´In tanti pensavano che fosse solo un colpo di testa...´

Ricordi molto personali riaffiorano nelle parole di Bjorn Borg che in un'intervista rilasciata al magazine Paris-Match rievoca i momenti in cui ha preso la decisione, tra lo schok generale del mondo del tennis, di appendere la racchetta al chiodo a soli 26 anni.

"Per me il tennis ha sempre fatto rima con la parola piacere" ha raccontato l'ex numero 1 svedese "Ma da qualche tempo non provavo più benessere quando giocavo. L'eccitazione del gioco andava scomparendo , una brutta sensazione per me che sono un competitivo : adoro vincere almeno quanto detesto perdere.

Quando a 25 anni mi sono reso conto che ormai non mi importava più molto, ho capito che non avevo più la voglia di continuare, stavo andando contro la mia personalità." La decisione destò clamore e sorprese tutti, anche uno dei rivali di sempre come John McEnroe tentò di far cambiare idea a Borg, ma senza successo.

Borg ricorda che in tanti provarono a stargli vicino, in tanti scossi dalla brutalità di questa decisione cercavano di rassicurarlo : "Tutti pensavano che si trattasse di una pazzia, di un colpo di testa, mi dicevano cose come 'Lascia passare qualche mese e poi si vedrà .' Comprendevo le loro reazioni ma dentro di me sapevo che era arrivato il momento di fare un passo indietro, purtroppo non potevo far niente per chi non accettava la mia scelta, ma mi ritrovavo dinanzi all'impossibilità di continuare perchè non provavo più eccitazione sul campo! " Una storia appassionante quella di Borg, che suscita ancora tanta curiosità, in molti si chiedono ancora cosa avrebbe potuto combinare un tennista con quelle capacità se avesse continuato a giocare, in tanti se lo chiedono ma non lui, al riguardo Borg si sente molto sereno e non ha nessun tipo di rimpianto per le scelte che ha fatto.

Un carattere che contribuisce sempre più a dare allo svedese le sembianze di un mito del tennis.