INTERVISTE TENNIS

Tommy Robredo: ´Voglio arrivare in semifinale in un Grand Slam!´

-  Letture: 1437

Tommy Robredo, recentemente premiato dai giornalisti spagnoli come miglior spagnolo dell'anno, parla a RadioMARCA della stagione passata e di quella che verrà: "La stagione passata non è andata male.

Quando si inizia l'anno non si sa mai cosa accadrà. Mi stavo allenando bene, però bastavano 4 o 5 partite vinte per avere fiducia in me stesso. Dalla vittoria di Casablanca tutto è andato per il verso giusto ed è stata una stagione fantastica.

Sono al 90%. La riabilitazione della frattura nello scafoide della mano destra è andata bene ed è stata rapida. Nel Roland Garros è stato il primo giocatore a vincere 3 partite di fila dopo aver perso i primi due set: "E' stato un torneo indimenticabile, perchè ho raggiunto i quarti di finale di uno Slam, facendomi capire che posso lottare con i migliori." Negli US Open ha battuto Roger Federer, con il quale aveva perso le ultime due partite: "Quando giochi probabilmente contro il migliore giocatore della storia è normale che puoi anche perdere, però bisogna avere la consapevolezza di giocare una partita molto dura fisicamente e mentalmente, cercando di dare il massimo.

Ho giocato con questa determinazione e ho vinto in tre set nella sua 'seconda casa'. Vincere un match del genere in un Grand Slam è sempre speciale e questo è stato un bel premio per il raggiungimento dei quarti." E' il terzo giocatore ad aver vinto più partite nell'anno dopo Nadal e Fognini: "La terra rossa è la mia superficie preferita, è ovvio essendo spagnolo e cresciuto su questi campi." Lo spagnolo non si pone limiti: "Raggiungere le semifinali di un torneo del Grand Slam è una cosa che ho sempre desiderato fare.

A parte Wimbledon, che è il torneo che meno si addice alle mie caratterische, ho la possibilità di essere nella seconda settimana negli altri tre tornei, sperando di avere un buon tabellone." Ultima battuta sulla Coppa Davis: "Giocarla a settembre dopo gli US Open è stato un premio per la mia stagione.

Se Carlos Moya deciderà di convocarmi, sono pronto a dare il massimo." .