Italy Major - Lebron e Paquito rischiano la figuraccia, in scioltezza gli altri big

Marchetti brilla al Foro Italico di Roma. Rischio enorme per Lebron-Paquito, avanti gli altri big

by Simone Brugnoli
SHARE
Italy Major - Lebron e Paquito rischiano la figuraccia, in scioltezza gli altri big
© Premier Padel

Dal nostro inviato a Roma - Contrariamente alle aspettative della vigilia, il Day 3 del BNL Major Premier Padel si è svolto con temperature più sopportabili rispetto a ieri. La giornata odierna si è aperta con la sorprendente vittoria ottenuta sul Centrale da Giorgia Marchetti e Lea Godallier ai danni di Carolina Orsi e Carolina Navarro (apparsa ancora indietro dal punto di vista fisico).

Un 6-3 6-4 che certifica un'affermazione meritata per la coppia italo-francese, che ha messo in mostra un gioco più brillante ed ispirato rispetto alle più quotate avversarie. "Non riesco ancora a capacitarmi del tutto di questo risultato" - ha ammesso un'emozionatissima Marchetti, capace di raggiungere per la prima volta gli ottavi in un Major.

"Non avrei mai immaginato che ci saremmo espresse ad un livello così alto dopo appena due match insieme" - ha continuato. Nel secondo incontro mattutino sul Centrale, il prestigioso torneo romano ha rischiato di perdere subito Paquito Navarro e Juan Lebron.

Quello che doveva essere un esordio di routine contro Denis Perino e Pablo Garcia, si è quasi tramutato in un incubo ad occhi aperti. Pur senza esprimere un padel convincente, i numeri 4 del seeding erano comunque riusciti ad incamerare il primo set grazie ad un unico break.

Il livello di Paquito e Lebron si era innalzato nel secondo parziale, sospingendoli fino al 4-2 e lasciando presagire una rapida conclusione. In pieno controllo della situazione, i due spagnoli hanno subito l'ennesimo blackout da quando è iniziata la loro reunion.

Un brusco calo di Navarro ha infatti propiziato il break dei rivali da 30-0, prima che gli iberici mancassero addirittura quattro chance nel nono game che - se convertite - li avrebbero portati a servire per il match. L'ennesimo disastro di Paquito e Juan sul 4-5 ha riequilibrato il computo dei set dando enorme fiducia a Perino-Garcia.

Nemmeno il break ottenuto all'inizio del terzo set ha tranquillizzato gli iberici, i cui ripetuti passaggi a vuoto sono la principale causa delle delusioni ottenute negli ultimi mesi. I due non sembrano divertirsi in campo, risultando spesso nervosi e commettendo innumerevoli errori banali.

Perino e Garcia hanno approfittato della situazione giocando al massimo delle loro potenzialità (e anche oltre), il che gli ha permesso di impattare sul 2-2 e di tenere agevolmente i propri turni di battuta fino al 5-4.

Ritrovatisi improvvisamente con le spalle al muro e a due punti dalla sconfitta (4-5 15-30), Navarro e Lebron si sono ribellati all'imminente figuraccia salvandosi nel decimo game e ottenendo il break decisivo nel successivo pochi minuti dopo, Un ultimo sussulto della coppia Perino-Garcia ha obbligato il Lobo e Paquito a rimontare da 0-40 prima di poter finalmente sollevare le braccia al cielo.

6-3 4-6 7-5 il risultato finale in poco meno di due ore di gioco. "Roma offre sempre una cornice speciale, siamo contenti di poter giocare almeno un altro incontro" - ha detto Navarro nel post-match. Meno diplomatico Lebron: "La verità è che non ci stiamo esprimendo al livello che vorremmo, ma speriamo di crescere." Agli ottavi se la vedranno con la coppia Bergamini-Ruiz.

Avanzano tutti i big

Nessun problema per le prime due coppie del seeding. Nel pomeriggio - davanti ad un Pietrangeli gremito - Ale Galan e Federico Chingotto hanno avuto la meglio su Cremona-Deus con lo score di 6-0 6-4 in meno di un'ora di gioco.

Unico highlights del match lo smash di Chingotto che ha colpito Deus nelle parti basse durante il primo game costringendo il portoghese ad una piccola interruzione. In sessione serale - sempre sul 'caldissimo' Pietrangeli - i campioni in carica Arturo Coello e Agustin Tapia hanno regolato con un duplice 6-4 i qualificati spagnoli Marques-Huete, autori di una buona prova viste le circostanze.

Semaforo verde anche per i 'Superpibes' e Tello-Belasteguin, che hanno rispettato i favori del pronostico per la gioia dei fan sul Centrale. Tornando alle donne, bene le numero 1 del seeding Sanchez-Martin e le numero 2 Triay-Fernandez Sanchez in attesa di test più probanti.

Queste ultime saranno le prossime avversarie di Giorgia Marchetti e Lea Godallier per un posto nei quarti di finale. Photo credit: Premier Padel

SHARE