La confessione choc di una giudice di sedia: "Ho subìto diversi abusi"



by   |  LETTURE 4185

La confessione choc di una giudice di sedia: "Ho subìto diversi abusi"

Dichiarazioni choc che lasciano aperte tante riflessioni sul mondo degli arbitri nel tennis. L'approfondita indagine di Telegraph ha fatto luce su diverse storie di abusi sessuali che avvengono nello sport e che nessuno denuncia, grazie alla preziosissima testimonianza dell'ex giudice di sedia Tamara Vrhovec.

La donna ha subito parlato di come dovrebbe cambiare l'intero sistema: "Ci deve essere una rivoluzione dall'alto. Non hanno nessuno a cui rivolgersi e non possono parlare coi media. Quando succede qualcosa di scandaloso, qualcosa che accade molto spesso, pochissimi decidono di parlare perché hanno paura che tutto si rivolga contro di loro.

Potrebbero perdere il lavoro per sempre e la persona al potere potrebbe rimanere. È quello che è successo a me con l'ufficiale "X" (un alto funzionario che ha lasciato l'impresa, che ha preferito non nominare): ci sono state alcune precedenti accuse contro di lui che non sono mai state affrontate.

Ciò ha scoraggiato le persone persino dal provare a parlare dei loro casi" ha esordito.

La scioccante rivelazione

La donna croata ha poi cominciato a raccontare: "Mi chiamò nel suo ufficio e mi disse: 'Fuori dal campo devi essere meno sessuale'

Andavo senza trucco o gioielli. Non avevo idea di cosa volesse da me. Si è sempre parlato molto tra i giudici di chi andava a letto con chi, ma nel complesso sono stata vista come una ragazza tosta. Qualcuno a cui i ragazzi non osavano avvicinarsi.

Ecco perché il commento 'troppo sessuale' era così strano" ha spiegato. Sui diversi abusi subìti; "C'erano un paio di uomini che si sono avvicinati a me e speravano di ottenere qualcosa, perché erano più grandi di me.

Uno di loro ha smesso di lavorare, l'altro è stato recentemente promosso a una posizione di alto livello, anche se tutti sanno che è un predatore e non si è mai degnato di nasconderlo. Ricordo che si avvicinò dietro di me e mi toccò una volta il sedere al Roland Garros.

Più tardi ebbe una discussione pubblica con un altro arbitro di sedia: quando mi sono schierato con lui, si è arrabbiato con me. Meno male, così non mi ha più toccato" ha confessato. "Essere un arbitro di sedia è molto difficile per la vita personale.

Molta gente mi hanno suggerito di intraprendere un'azione legale ma non sono voluta andare fino in fondo. È qualcosa del passato a cui non penso più. Credo di dover parlare ora per coloro che sono ancora nel sistema e non hanno l'opportunità di farlo" ha concluso.