Paura per Naomi Osaka: "C'era il rischio di una sparatoria, dovevamo scappare"



by   |  LETTURE 3681

Paura per Naomi Osaka: "C'era il rischio di una sparatoria, dovevamo scappare"

"Spero davvero che tutti siano usciti sani e salvi, dal momento che sto twittando questo noi ce l'abbiamo fatta e stiamo bene". Con questa frase apparsa su uno dei principali canali social Naomi Osaka ha sparso curiosità intorno a sé nel mondo per cosa fosse successo da creare e destare così tanta preoccupazione.

L'episodio però, accaduto negli Stati Uniti d'America e che ha coinvolto proprio la giapponese, è abbastanza grave e per fortuna non ha avuto grosse conseguenze. Il tutto è successo nell'occasione di un main event di box, targato PBC (Premier Boxing Champions), nel quale si affrontavano sul ring gli atleti Gervonta Davis e Rolando Romero al Barclays Center di Brooklyn a New York.

Durante la serata gli spettatori presenti, avvertiti improvvisamente della presenza di un tiratore attivo e sentendo sempre più persone urlare all'impazzata, hanno dovuto lasciare il proprio posto a sedere e correre rapidamente verso l'uscita e mettersi al riparo dal pericolo che era stato lanciato.

L'allarme ha creato panico e i primi video che circolano in rete si descrivono praticamente da soli.

La ricostruzione

Il giornalista Ryan Songalia, girando un breve filmato sull'accaduto, ha dichiarato sui social: "Momento spaventoso quando la folla si riversa nel Barclays Center, la mia paura era una sparatoria ma quelle paure si sono rivelate infondate" ha commentato.

Infatti, come confermato da più fonti circa una mezz'ora più tardi, sarebbe stato soltanto un falso allarme. "Non sono stati sparati colpi all'interno di Barclays" ha confermato Chris Mannix per Sports Illustrated.

Il racconto di Naomi Osaka, che era 'semplice' spettatrice per l'occasione, fa però rabbrividire e fa comprendere cosa sia passato nella mente di tantissimi presenti nel Palazzetto: "Ero solo nel centro Barclays e all'improvviso ho sentito delle urla e ho visto delle persone correre.

Poi ci hanno urlato che c'era un tiratore attivo e dovevamo rannicchiarci in una stanza e chiudere le porte. Ero così fottutamente pietrificata" ha comunicato ai fan e al mondo intero sui social, rassicurando nuovamente tutti per stare attualmente bene e al sicuro, seppur lo spavento sia stato importante.