Allarme Covid per il tennis argentino: la causa è un matrimonio



by   |  LETTURE 23945

Allarme Covid per il tennis argentino: la causa è un matrimonio

Massima allerta in queste ore per il tennis argentino, sottoposto a tamponi e isolamento fiduciario per scongiurare il rischio di un vero e proprio focolaio Covid-19, che metterebbe a rischio la partecipazione degli atleti alla tournée australiana.

La causa è stata il matrimonio a Cordoba fra il tennista Andrea Collarini e la sua sposa Delfina Novillo Corvalan, che hanno invitato diversi giocatori del circuito Atp. La coppia e altri presenti sono risultati positivi al Coronavirus, facendo scattare l’allarme a tutti coloro che hanno preso parte alle nozze, attualmente in attesa dell’esito dei test.

Tra gli ospiti all'evento c’erano Federico Coria, Renzo Olivo, Juan Ignacio Londero, Andrés Molteni, Guido Andreozzi, Facundo Bagnis, Tomás Etcheverry, i quali potrebbero saltare i primi impegni della stagione 2022 se avessero contratto il virus.

Alcuni avevano conquistato il pass per il tabellone principale degli Australian Open, altri avevano nel proprio calendario le qualificazioni del primo Grande Slam dell’annata. Inoltre, Coria e Molteni sono tra i convocati della squadra argentina per l’Atp Cup, prevista a Sydney dall’1 al 9 gennaio.

Non una situazione ideale per i giocatori interessati dalla vicenda, che dovranno attendere ancora un po’ per sapere se sono autorizzati a partire verso l’Oceania il prossimo 27 dicembre. Il volo charter è stato intanto sospeso in attesa dei risultati dei test PCR.

Novità sui vaccinati nel circuito Wta

Con l’obbligo vaccinale all’edizione 2022 degli Australian Open e le poche esenzioni mediche che saranno concesse ai tennisti, tutti i nodi nei circuiti verranno al pettine sulla vaccinazione degli atleti.

Secondo quanto ricostruito dagli ultimi aggiornamenti risalenti alla scorsa settimana, la Wta ha fatto sapere che l’85% di giocatrici di altissimo livello ha effettuato la somministrazione anti-Covid. Percentuale alta, che però lascia un restante 15% in una condizione difficile per superare i requisiti dell’Australia per disputare i primi impegni della prossima stagione.

Alcuni ritiri dalla competizione di Melbourne sono già stati ufficializzati; nei successivi giorni il quadro sarà ancora più chiaro.