Il New Tennis Torre del Greco è Campione d'Italia per la prima volta nella sua storia



by   |  LETTURE 2853

Il New Tennis Torre del Greco è Campione d'Italia per la prima volta nella sua storia

Sono due le date che hanno segnato la storia del New Tennis Torre del Greco. La prima risale al 9 dicembre 2018, quando la squadra campana riuscì ad ottenere un’eroica qualificazione in Serie A1 grazie all’impegno e alla professionalità che contraddistinguono tutti quelli che non riescono ad accontentarsi e che sognano sempre in grande.

Dalla promozione al clamoroso successo, però, il passo è breve. È proprio in questo contesto che vanno inserite le due giornate che hanno permesso al New Tennis di conquistare per la prima volta il tricolore nella meravigliosa cornice rappresentata dal Carisport di Cesena.

Il 12/12/2021 non sarà mai un giorno qualunque per una società che ha creduto nel proprio lavoro e realizzato un’impresa destinata a finire negli annali. Il CT Vela Messina, alla sua seconda finale nelle ultime tre stagioni, era partito con il piede giusto e guadagnato il primo punto con la netta vittoria ottenuta da Fausto Tabacco ai danni di Giovanni Cozzolino.

A riportare il punteggio in parità ci ha pensato un impeccabile Raul Brancaccio, che dopo il difficile avvio ha trovato il modo di assumere il controllo degli scambi e regolare in due set Giorgio Tabacco.

Il New Tennis Torre del Greco è Campione d'Italia

A fare decisamente la differenza ai fini del risultato finale è stato Andrea Pellegrino.

Il tennista pugliese si è reso protagonista di una prestazione esemplare e ha sconfitto con un doppio 6-4 il numero 157 del mondo Salvatore Caruso. Il Day 2 è iniziato nel migliore dei modi per il New Tennis: la vittoria di Pedro Martinez contro il connazionale Bernabe Zapata Miralles non è stata mai in discussione.

Avanti 3-1, il team campano ha schierato in doppio ancora Martinez e Pellegrino. I due non hanno fallito il primo match point a disposizione e hanno regalato il prestigioso titolo alla squadra allenata da Giancarlo Petrazzuolo, Ciro Cardone e Alessio Concilio.

Filippo Palumbo, presidente del circolo e giocatore di doppio, non ha potuto fare altro che ringraziare tutti i suoi compagni d’avventura e il padre, Carmine, che ha reso possibile l’impossibile. “Prima ancora che compagni, siamo un gruppo di amici” , ha detto Palumbo durante la cerimonia finale.

“Una squadra fatta di giocatori forti come Pedro Martinez, Andrea Pellegrino, Gian Marco Moroni, Raul Brancaccio, Giovanni Cozzolino e Fabio Parola. Poi i tecnici, le persone che ci seguono da anni e che sono venute anche qui e non per ultimo quello che tutti noi consideriamo il nostro presidente, mio padre Carmine Palumbo” .