Carlos Alcaraz costretto al forfait in Coppa Davis: “Sono positivo”



by   |  LETTURE 1825

Carlos Alcaraz costretto al forfait in Coppa Davis: “Sono positivo”

La stagione per il talentuoso 18enne spagnolo non si chiude di certo nel migliore dei modi. Carlos Alcaraz è risultato positivo al Covid-19 dopo aver effettuato un tampone e per cui dovrà abbandonare il sogno di rappresentare la Spagna in Coppa Davis, competizione che è proprio ai nastri di partenza nella giornata di giovedì 25 novembre.

Una brutta tegola per il ragazzo nativo di Murcia, che era pronto a realizzare un altro dei suoi sogni, ovvero giocare per la propria nazione in una manifestazione così importante e sentita. L’annuncio e l’ufficialità della notizia è arrivata da un messaggio dello stesso atleta sui suoi canali social, informando tutti i fans dell’accaduto.

Il capitano Sergi Bruguera dovrà fare a meno di un teenager che ha messo in difficoltà tutti i migliori tennisti del momento nel circuito Atp. Venerdì è previsto il debutto con l’Ecuador: l’intento è ora evitare qualsiasi altro caso (e focolaio di conseguenza), che complicherebbe l’organizzazione dell’evento.

Tutta la delusione di Alcaraz

“Volevo comunicarvi che il test per verificare la positività al Coronavirus ha dato esito positivo. Questo mi impedirà di giocare in Coppa Davis… ero così entusiasta.

Sabato ci siamo incontrati per la prima volta con la squadra, ho fatto un molecolare che ha dato negativo e ogni due giorni mi sottopongo sempre a test antigenici, tutti negativi” ha spiegato il giocatore iberico. Poi ha aggiunto: “Sono triste per il modo in cui perdo un torneo così importante e super speciale per me.

Ero felicissimo di poter giocare e rappresentare il mio paese qui a Madrid davanti alla mia gente, ma a volte le cose non vanno come uno vuole veramente e le devi comunque superare, oltre che accettare. È un bastone molto duro ma dovrò rialzarmi di fronte a questa situazione e uscire più forte di prima”.

Le sue attuali condizioni fisiche: “Al momento sto molto bene, con sintomi lievi. Vedremo come andrà avanti, col passare del tempo. Un grande incoraggiamento a tutto il team, vi guarderò in televisione e farò il tifo da casa. Grazie a tutti per il vostro sostegno” ha concluso.