Stefanos Tsitsipas su Elon Musk: "È un genio folle, adoro le sue idee"



by   |  LETTURE 951

Stefanos Tsitsipas su Elon Musk: "È un genio folle, adoro le sue idee"

Tra i tennisti più scatenati sui social, anche prima della sospensione dei circuiti causa covid19, c’è sicuramente Stefanos Tsitsipas. In questo periodo di quarantena, il talento greco sta continuando a far parlare di sè, tra regali di compleanno a dir poco originali (a Nick Kyrgios ha “regalato” la pubblicazione del suo numero di telefono) e dirette seguitissime.

L’ultima lo ha visto protagonista di un simpatico duetto con un’altra stella del tennis mondiale, Naomi Osaka, che con i guadagni del 2019 (qualcosa come 37.4 milioni di dollari) è diventata l’atleta più pagata di tutti i tempi.

Stefanos Tsitsipas su Elon Musk

Ad un certo punto della conversazione, Osaka ha chiesto a Stefanos un parere su Elon Musk. “Mi piace” ha risposto prontamente il classe ’98. “Non mi sarei comprato una Tesla se non mi piacesse Elon Musk.

È un folle, un genio folle” ha proseguito il greco. “A volte può avere delle idee strane e ha fatto anche cose strane in passato, ma mi piace molto la sua visione delle cose. È un genio, ha fatto così tante cose.

Prima di lui, i razzi spaziali erano tutti di proprietà della NASA, lui li ha commercializzati. E ha creato delle automobili completamente elettriche. Adoro tutte queste idee. Non ci sono tanti imprenditori che hanno raggiunto simili risultati, perciò lo rispetto” ha concluso il greco.

Mentre Osaka è già salita sull’Olimpo del tennis, vincendo due Slam a cavallo tra 2018 e 2019, Tsitsipas non è ancora riuscito a lasciare il segno in un Major. Nonostante gli enormi progressi fatti negli ultimi anni, impreziositi dal trionfo alle ATP Finals di Londra lo scorso novembre, a livello Slam il classe ’98 continua ad essere un passo indietro rispetto ai tre mostri sacri.

Ma, come anche altri giovani rampanti, Tsitsipas ha più volte sottolineato di non voler attendere il ritiro dei Big Three per vincere uno Slam, ma di voler spiccare il salto definitivo con loro ancora in attività.