MONDO ITF FUTURES - Pokerissimo di Luca Vanni a Napoli, Francesca Palmigiano in evidenza a Bol



by   |  LETTURE 2451

MONDO ITF FUTURES - Pokerissimo di Luca Vanni a Napoli, Francesca Palmigiano in evidenza a Bol

Napoli vestita a festa si tinge di tricolore. Merito del quinto trionfo in stagione del 29enne Luca Vanni, 313 Atp, che ha onorato al meglio il best ranking fra i partecipanti al futures campano. Nella Damiani’s Futures Cup, sulla terra rossa del circolo tennis Averno, F18 Italy con 15.000 dollari di montepremi, degno antagonista conclusivo l’americano Mitchell Krueger (2), sconfitto con un doppio 63.

Nei quarti ben 5 le presenze italiane, ma con 4 eliminazioni. Ad iniziare da Luca Pancaldi ko 62 64 con il finalista statunitense, per proseguire con Edoardo Eremin, out 36 63 75 contro il brasiliano Daniel Dutra da Silva (7), Alessandro Bega (6) battuto con un duplice 61 dall’argentino Pedro Cachin (4) ed infine Matteo Marrai superato 76(5) 76(5) nel match più difficile per il vincitore del titolo.

Monologo nazionale in doppio, con Francesco Borgo e Marco Bortolotti (1) bravi a vincere la sfida finale contro Edoardo Eremin e Pietro Rondoni (2), 76(8) 46 10-8 il risultato.
Risposta femminile a Padova, con il ricco Challenge Open “Birra Antoniana” al circolo Canottieri, 25.000 dollari in palio su terra.

Trofeo nelle mani della statunitense Louisa Chirico, con il lottato 62 16 76(3) in finale sulla brasiliana Paula Cristina Goncalves. Il sogno di una sfida conclusiva tutta tricolore è purtroppo svanito nelle semifinali, con Anastasia Grymalska (7) che ha ceduto di misura alla campionessa americana per 64 76(2) ed Alice Matteucci, che al limite del terzo parziale 61 26 61, non è riuscita a spegnere le velleità della finalista sudamericana.

Nei quarti da segnalare l’uscita di scena della testa di serie numero 1, la bielorussa Aliaksandra Sasnovich per mano della vincitrice, 46 75 60 lo score. Ancora a segno in doppio la cervese Gioia Barbieri, fresca vincitrice dell’Itf di Grado, in compagnia della georgiana Sofia Shapatava (2), grazie al 64 06 14-12 inflitto alla brasiliana Paula Cristina Goncalves e all’argentina Florencia Molinero (1).
Appuntamento rosa di maggior rilievo in Gran Bretagna, l’Aegon challenge sull’erba del Tennis Centre di Nottingham, 50.000 dollari di prize money.

Nulla da fare nell’ultima contesa all’ambita coppa per la svizzera Timea Bacsinszky (3), con la resa per 62 62 di fronte alla brillante australiana Jarmila Gajdosova, regina anche in doppio al fianco della connazionale Arina Rodionova (3), con il 76(0) 61 in finale alla paraguaiana Veronica Cepede Royg e Stephanie Vogt, 24enne tennista di Vaduz capitale del Liechtenstein.

In Croazia, spazio al Lux Sport Open sulla terra rossa del Teniski Klub Zlatini Rat di Bol ($ 10.000). Note liete con la semifinale raggiunta da Francesca Palmigiano fermata 75 60 dall’argentina Nadia Podoroska (4). Disco rosso nella semifinale del doppio per la 20enne lombarda di Milano 744 Wta e l’ucraina Olga Ianchuk (2), 76(4) 26 10-3 dalle australiane Samantha Harris e Sally Peers.

Per gli uomini, sugli scudi la coppia formata da Giorgio Portaluri e l’argentino Gaston Arturo Grimolizzi (2) capace in finale, con un convincente 63 64, di abbattere i sogni di gloria del tedesco Tim Nekic ed il transalpino Hugo Nys, giustizieri nel turno precedente degli italiani Daniele Capecchi e Filippo Giorgetti, 64 60 lo score.
Al maschile, rassegna degli impegni su terra battuta con 10.000 dollari di montepremi ad iniziare dal tennis club Chernomorets di Burgas, F1 Bulgaria.

Buone notizie dal doppio con la finale conquistata da Riccardo Bonadio e Davide Melchiorre (2), persa 62 61 contro il duo di casa Tihomir Grozdanov e Plamen Milushev. In evidenza Francesco Picco a Sharm El Sheikh, F21 Egitto.

Per l’italiano numero 5 del tabellone, quarti in singolare estromesso 64 64 dal russo Alexander Zhurbin (già vincitore negli ottavi 64 63 su Ferdinando Bonuccelli) e finale in doppio al fianco dell’olandese Mark Vervoort (1), superati 46 61 10-4 dall’egiziano Karim Mohamed Maamoun ed il siriano Issam Haitham Tawell (2), quest’ultimo in grado di estromettere al secondo round del singolo Filippo Borella, 36 75 61 il risultato a favore del sesto favorito della vigilia.

Altra coppia in evidenza quella formata da Erik Crepaldi e l’iberico Borja Rodriguez Manzano, nel Trofeo Aceites de Oliva de Espana, sul sintetico del Club de Tenis di Martos, F13 Spagna. Per il duo italo spagnolo finale opposto ai tennisti di casa Ivan Arenas Gualda e David Vega Hernandez (1) sfuggita sul filo di lana al termine di un’autentica battaglia.

Eloquente il responso: 76(3) 67(7) 10-8. Buone notizie anche in singolare per il 24enne mancino piemontese, numero 4 del seeding, giunto ai quarti sconfitto 64 36 64 dallo spagnolo David Vega Hernandez, quinta forza dell’entry list.