MONDO ITF FUTURES - Claudia Giovine e Alberto Brizzi ok il gioco e´ giusto

Tennis - La brindisina sbanca Tinajo, in Egitto finale per Gianluca Naso. In doppio a segno Deborah Chiesa

by Fabrizio Missiroli
SHARE
MONDO ITF FUTURES - Claudia Giovine e Alberto Brizzi ok il gioco e´ giusto

Super finale tricolore e primo titolo futures stagionale per Alberto Brizzi (4), 324 Atp, che alla soglia dei trent’anni (il prossimo 26 marzo) si è tolto la soddisfazione di centrare la finale ai danni del connazionale Gianluca Naso (2), 277 Atp, sulla terra rossa del Sierra Hotel di Sharm El Sheikh, F2 Egitto con 10.000 dollari di montepremi.

Partita molto lottata, grandi emozioni fino al termine e risultato di 67(5) 63 75 a favore del tennista di Breno. Ben 13 i nostri giocatori al via in terra africana. Quarti di finale per il 22enne 370 Atp, Stefano Travaglia (8) battuto dal francese Tak Khunn Wang (3) per 75 76(4).

Fuori al primo turno Francesco Garzelli, 63 75 dal serbo Arsenije Zlatanovic (vittorioso 61 61 nelle quali contro Andrea Orlandi) e Filippo Borella contro il portoghese Andre Gaspar Murta (60 61). Nessun pass ottenuto nel tabellone di ammissione al main draw.

All’ultimo round, ko per Lorenzo Frigerio (5), che dopo aver superato 63 61 Matteo Giangrande, si è arreso al polacco Dariusz Lipka (12) per 63 16 63. In precedenza battuti Luca Compagnucci, 75 61 dal serbo Ilija Vucic (1) dopo aver estromesso Daniele Catini (duplice 62), Fabio Mercuri, 26 75 62 con il francese Thibault Forget, Antonio Terzo contro lo spagnolo, numero 7 del seeding, Mario Vilella Martinez (62 61 il punteggio) ed infine Gabriele Nardelli, 67(4) 61 64 dall’olandese Rens Bouwmans.

In doppio titolo sul filo di lana per il brasiliano Jose Pereira ed il transalpino Tak Khunn Wang, 16 63 10-8 in finale sul duo Lorenzo Frigerio e Stefano Travaglia (3). In Spagna, replica e suona la carica Claudia Giovine, 606 Wta, di fronte all’iberica Laura Pous Tio (2), nel F.t.a.

International, sui campi hard del Club la Santa di Lanzarote ($ 10.000 prize money). Braccia alzate e trofeo al cielo per la bella brindisina, che si è imposta in finale per 63 06 62, a coronamento del brillante cammino inaugurato nel derby contro Alice Savoretti, vinto 63 75.

Addirittura sette, però, le sconfitte al primo turno. Inopinata, soprattutto, quella della numero uno del seeding Anastasia Grymalska, reduce dal titolo conquistato domenica scorsa sempre a Tinajo, superata dalla numero 831 Wta, l’iberica Yvonne Cavalle Reimers per 61 75.

Completano il triste quadro Deborah Chiesa, 62 64 dalla belga Steffi Distelmans, Alice Matteucci (fresca di convocazione in Federation Cup) contro la francese Jade Suvrijn (3) per 26 61 63, Martina Caciotti con la greca Maria Sakkari (62 60 lo score), la qualificata Nicole Clerico, costretta al ritiro sul 62 20 di fronte alla belga Elise Mertens (8) e Chiara Icardi, 60 61 dalla transalpina Jessika Ponchet.

Nelle qualificazioni, eliminate Martina Caliari, duplice 61 dalla spagnola Carmen Lopez Rueda (12), Nicole Fossa Huergo contro la canadese Petra Januskova (5) per 76(3) 75 e Stefania Rubini (7) ad opera della svedese Emma Ek (61 62 lo score).

A segno nella fnale del doppio Deborah Chiesa e la colombiana Yuliana Lizarazo, che opposte alle numero due, la spagnola Arabela Fernandez Rabener e la belga Elise Mertens hanno prevalso al termine di un tiebreak emozionante per 62 36 13-11.
In ambito femminile tre gli appuntamenti di rilievo in relazione al montepremi da 25.000 dollari. In Francia, nell’Open indoor Gdf Suez sui campi in superficie sintetica di Andrezieux Boutheon, qualificazioni amare per le due tenniste italiane al via, Federica Di Sarra (9) out 63 60 contro la georgiana Margalita Chakhnashvili (7) e Cristiana Ferrando, 63 64 dall’ucraina Marianna Zakarlyuk (4).

Stessa sorte per Angelica Moratelli (3), classe 94 e numero 352 Wta, battuta con un duplice 62 dalla kazaka Anna Danilina (9), nelle quali dell’Aegon indoor Gb Pro Series, sui campi hard di Sunderland in Gran Bretagna.

Infine negli Stati Uniti, sulla terra battuta di Daytona Beach in Florida, pass per il main draw fallito da Federica Grazioso, out con la statunitense Louisa Chirico (7) per 61 36 64. Altri tre, invece, i tornei in programma con 10.000 dollari in palio.

In Egitto, seconda settimana su campi in sintetico del Jolie Ville Golf Resort di Sharm El Sheikh. Eliminate all’esordio Valeria Prosperi, 617 Wta classe 95, contro Hua Chen Lee, giocatrice di Taipei, per 36 64 76(4) e la 22enne Carolina Pillot, 689 Wta, duplice 61 dalla svizzera Conny Perrin (6).

Ottavi fatali anche alla toscana Gaia Senesi, 431 Wta, 64 64 ad opera dell’ucraina Veronika Kapshay, seconda forza del seeding. Nelle qualificazioni disco rosso per Giorgia Pinto (7), out 61 62 contro la russa Darya Kasatkina e Giulia Crescenzi superata 62 62 dalla nipponica Ayaka Okuno (6), dopo aver vinto 64 76(4) il derby con Deborah Cruciani.

Nel doppio fermate nelle semifinali le corse della rumena Cristina Ene e Valeria Prosperi contro le turche Melis Sezer e Ipek Soylu (2) per 76(5) 61 e della greca Despina Papamichail in coppia con Gaia Sanesi (3) ko 76(4) 46 10-7 dalle ucraine Valentyna Ivakhnenko e Veronika Kapshay (1).

Notizie poco confortanti anche dalla Guadeloupe francese, nel Tournoi International Feminin de la Ville, su campi in superficie sintetica di Petit Bourg, con le sconfitte all’esordio di Camilla Rosatello (4), 19 anni 580 Wta, opposta alla canadese Khristina Blajkevitch (60 46 64 lo score) e Lara Rafful purtroppo costretta al ritiro in avvio di partita contro la qualificata austriaca Ivana Horvat.

Nulla da fare anche per Alessia Piran, nelle qualificazioni del Segro International indoor di Kaarst, su superficie carpet in Germania. Lo stop, all’ultimo round, è giunto per mano della transalpina Clemence Fayol, 75 62 il punteggio.
Nel mondo uomini, a Bressuire, eliminato Matteo Rigamonti dal transalpino Dorian Descloix (14) per 60 62, nelle qualificazioni dei XIV Internationaux indoor, F2 Francia, su superficie sintetica con ospitalità e 10.000 dollari in palio.

Sui campi in sintetico del Tennis Centre di Sunderland, F2 Gran Bretagna, fari puntati sull’Aegon Gb Pro Series indoor, con una dotazione di 10.000 dollari. Buon risultato per l’italiano di Vienna 322 Atp, Riccardo Bellotti (6), capace di spingersi fino ai quarti, superato sul filo di lana per 62 57 64 dal numero uno del seeding, il britannico Daniel Cox.

Sconfitto al primo turno, invece, Stefano Napolitano, giovane classe 95 da Biella, numero 857 Atp, dal francese Enzo Couacaud (26 7 61 lo score), ma bravo comunque a superare i tre round delle qualificazioni, ostili a Giorgio Portaluri (13), battuto dal tennista di casa Harry Skinner per 36 61 64.

Da segnalare inoltre negli ottavi, il forfait per problemi fisici del lituano Laurynas Grigelis, secondo favorito della vigilia e trionfatore sugli stessi campi la scorsa settimana. Purtroppo forzato abbandono anche per Claudio Fortuna (8), 425 Atp, nella semifinale dell’Isrotel Men’s Futures di Eilat, F2 Israele, su campi hard con 10.000 dollari di prize money.

Via libera in finale, quindi, al transalpino Martin Vaisse (6), vincitore del titolo nel primo appuntamento su Luca Vanni, fuori in questa occasione negli ottavi per mano del croato Mate Delic (7) per 46 61 62. Al rientro agonistico pure il faentino Federico Gaio, Atp 448, costretto alla resa 64 61 nei quarti, dal primo favorito del tabellone, l’israeliano Amir Weintraub.

Negli ottavi stop a Claudio Grassi, 62 75 dall’ucraino Vadim Alekseenko, mentre il russo Anton Zaitsev ha subito infranto (63 75) le speranze di Pietro Rondoni, abile comunque a qualificarsi.

Claudia Giovine Deborah Chiesa
SHARE