'Comunque vada sarà un successo': Jannik Sinner è in lizza per le Finals



by   |  LETTURE 9225

'Comunque vada sarà un successo': Jannik Sinner è in lizza per le Finals

Il Ranking di questa settimana è storico per il tennis italiano. Jannik Sinner ha fatto il suo ingresso nella Top Ten, è il nuovo numero nove al mondo e grazie a ciò questa settimana, per la prima volta nella storia, sono presenti nella Top Ten due tennisti italiani, Sinner ed il numero uno azzurro Matteo Berrettini.

Sebbene il tennista romano ha raggiunto ottimi risultati è proprio Jannik la più grande speranza futura del tennis azzurro e mondiale. A soli 20 anni e due mesi Jannik Sinner ha raggiunto diversi record, ha vinto le NextGen Finals ormai qualche anno fa, ha conquistato tornei Atp e soprattutto, forse la cosa più importante, ha mostrato una crescita impressionante.

L'azzurro è attualmente tra gli 8 qualificati per le Finals di Torino, ma la sua posizione è in bilico, pressato da Hurkacz e dal britannico Norrie: i tornei di Parigi-Bercy e di Stoccolma saranno decisivi ma quel che è certo e che questa non sarà l'ultima possibilità di accedere alle Finals per Jannik.

Nelle ultime settimane Sinner è apparso rigenerato dopo un difficile periodo dovuto al complicato adattamento sull'erba ed una stagione americana 'nuova' per lui. Sono arrivate clamorose sconfitte, alti e bassi in fondo normali per un atleta della sua età ma Jannik ha vinto i tornei di Washington ed Anversa mostrando una superiorità a tratti imbarazzante.

La sua corsa si è fermata in maniera particolare a Vienna dove ha ceduto un match che lo vedeva avanti 6-3;5-2 e che ha perso anche e soprattutto a causa dell'inesperienza.

Cosa manca a Jannik Sinner?

È appunto l'esperienza, insieme ad alcuni normali miglioramenti tecnici, il principale progresso che il tennista altoatesino deve fare per migliorare.

Jannik è il numero nove al mondo ma nel corso della sua carriera, fino ad ora, ha perso quasi tutte le partite con tennisti con classifica migliore. L'azzurro deve crescere nella lettura delle gare, fare progressi sia a rete e soprattutto al servizio ed ha tanti, forse tantissimi, ancora aspetti da migliorare.

Paradossalmente è proprio questo il miglior dato di Sinner: ha 20 anni, tanto da migliorare e si trova già in nona posizione nella classifica Atp. Siamo ormai alla fase finale di questa stagione ed in tanti, Sinner compreso, abbiamo capito dove l'azzurro può migliorare, ma l'età, il contesto storico e la grande forza di volontà di Jannik, possono solo dare una mano per la crescita del fenomeno azzurro.

Nel corso della storia del tennis l'Italia ha raramente avuto tennisti di questo valore e potenzialmente Jannik potrebbe diventare il primo numero uno della storia italiana del tennis. Scongiuri a parte il tennis italiano sorride per Sinner e non solo e con questi atleti, non si può far altro che essere felici di un futuro più che roseo.