Musetti, Sinner e Berrettini sfidano la storia del tennis



by   |  LETTURE 3575

Musetti, Sinner e Berrettini sfidano la storia del tennis

Il tennis italiano sta vivendo un momento straordinario ormai da mesi ed il movimento di questo sport è in crescita esponenziale: quello che vedremo però tra circa 24 ore è un qualcosa di storico. Per la prima volta nella storia dell'era Open (non accadeva dal 1962) tre italiani giungono agli Ottavi di un torneo del Grande Slam e già questo è un risultato incredibile ma le coincidenze astrali hanno portato ad una clamorosa situazione.

Lorenzo Musetti, Jannik Sinner e Matteo Berrettini si troveranno dinanzi rispettivamente Novak Djokovic, Rafael Nadal e Roger Federer. Si, tre nomi che abbiamo sentito spesso negli ultimi 20 anni, coloro che vengono considerati come i tre tennisti più forti della storia.

58 titoli del Grande Slam in tre, record su record e numeri che nonostante l'età che avanza non si accingono a fermare, eppure tra circa 24 ore questi tre fenomeni che rappresentano la storia del tennis mondiale si troveranno contro la gioventù che avanza, una gioventù, per nostra fortuna, italiana.

I numeri di Musetti e Sinner sono al limite dell'assurdo: atleti che scorazzano senza particolari problemi nei primi 100 al mondo e che, a meno di 20 anni, continuano a sorprendere. Dall'altro lato abbiamo il numero uno italiano, il Top Ten Matteo Berrettini e l'unico che, almeno sulla carta, ha reali possibilità di vittoria del match.

Una giornata da non dimenticare

Rafael Nadal e Jannik Sinner si sono già trovati più volte l'uno contro l'altro, sempre sulla terra battuta. Il primo precedente risale proprio a Parigi dello scorso anno dove Jannik creò qualche grattacapo nel primo set allo spagnolo per poi arrendersi a colui che avrebbe vinto, ancora una volta dominando, il torneo.

Anche domani il re della terra battuta parte nettamente favorito contro Sinner che proverà a infastidirlo in qualche modo.

Lorenzo Musetti invece sta vivendo un sogno: l'azzurro è entrato quest'anno in Top 100 e la sua crescita nel circuito è evidente a tutti, al suo esordio a Parigi ha raggiunto gli Ottavi di finale e affronterà in una sfida favolosa e dai tanti suggerimenti il numero uno al mondo Novak Djokovic.

Comunque vada, sarà una giornata pazzesca per lui. Infine Matteo Berrettini, qualche anno dopo il loro scontro a Wimbledon, ritroverà a Parigi il quasi quarantenne Roger Federer, tennista apparso in difficoltà in questi ultimi tempi ma che mostra ogni giorno la sua grandezza e che a qualsiasi età è un avversario molto complicato.

Dei tre è Berrettini quello con maggiori speranze di vittoria, ma quello che vedremo domani a Parigi comunque vada sarà la storia, una straordinaria storia di tennis.