Nadal e un matrimonio blindato via terra, mare... e aria!


by   |  LETTURE 16181
Nadal e un matrimonio blindato via terra, mare... e aria!

Mentre Novak Djokovic (che ha già all'attivo una moglie e due figli) punta deciso all'aggancio nell'ATP Race, Rafael Nadal ha messo temporaneamente da parte il tennis. Lo rivedremo in campo proprio contro il serbo, il 24 ottobre, nella discussa esibizione di Nur Sultan, in Kazakhstan.

Ma il suo impegno più importante sarà sabato prossimo, quando convolerà a nozze con Maria Francisca Perello. Sarà un evento glamour, attesissimo da stampa, appassionati e curiosi, ma Rafa ha tutta l'intenzione di preservare la sua privacy.

Gli invitati saranno molti, per carità, ma il suo obiettivo è vivere una cerimonia intima, lontana dal clamore mediatico. E allora ha già iniziato ad organizzarsi: per esempio, gli invitati dovranno fare a meno del telefono cellulare in modo da non realizzare foto e video non autorizzati.

La misura è estesa a tutti coloro che avranno a che fare col matrimonio in veste di dipendenti delle società fornitrici: hanno dovuto sottoscrivere una clausola di riservatezza per poter offrire qualsiasi tipo di servizio.

Tuttavia, qualche notizia emerge comunque: per esempio, è stato chiesto alle donne di indossare abiti lunghi. La maggior parte degli invitati arriverà presso la “Fortaleza” (il luogo del matrimonio) tramite un pullman.

Il ritrovo è previsto presso la Rafa Nadal Academy di Manacor, distante poco più di 50 chilometri dal luogo del matrimonio. In questo modo, saranno evitati controlli all'ingresso della struttura. L'accesso per i fortunati avverrà soltanto tramite il cancello dell'aerodromo militare, mentre l'ingresso abituale della Fortaleza sarà riservato ai servizi.

Si trova in una curva e sono previste manovre difficoltose per il traffico e il prevedibile affollamento di stampa e curiosi: ad occuparsi della sicurezza sarà la stessa società che già vigila sulla Rafa Nadal Academy.

Sembra che i Nadal stiano valutando la richiesta di autorizzazione per vietare che la zona sia sorvolata da droni o aerei: sembra una misura eccessiva, ma in realtà è adottata da parecchie coppie vip per evitare foto e filmati non autorizzati, soprattutto quando sono state firmate delle esclusive.

Come è noto, la Fortaleza è un castello realizzato nel 17esimo secolo e si trova in una zona di Maiorca (la penisola di Punta Avancada) totalmente blindada ad occhi esterni. La zona è inaccessibile via terra se non si è in possesso di regolare permesso, mentre dal mare è pressoché impossibile scattare fotografie.

Al suo interno ci sono sei case, due spiagge private e un eliporto. Manco a dirlo, si tratta di una delle dimore più costose di Spagna. Lo spazio è immenso: 87.000 metri quadrati, a cui si devono aggiungere 1.100 metri di giardino.

L'affitto costa la bellezza di 25.000 euro al giorno. Cifra enorme, ma perfettamente accessibile per Rafa. Sembra che i Nadal abbiano prenotato per tre giorni, poiché hanno intenzione di trascorrervi l'intero weekend.

La Fortaleza ha già ospitato il matrimonio del celebre calciatore del Real Madrid Gareth Bale. Il gallese è passao pressoché inosservato, così come il cestista Rudy Fernandez e la modella Helen Lindes nel 2015.

Personaggi famosi, ci mancherebbe, ma Nadal è un'altra cosa. E poi ha “l'aggravante” di essere maiorchino. Gli invitati sono circa 350: tra loro ci sono i familiari e Manacor, oltre agli amici più stretti e intimi della coppia.

Per il resto, sono attesi tennisti, attori, uomini d'affari nonché il Re Emerito di Spagna Juan Carlos, accompagnato dalla moglie Sofia. È sempre stato un appassionato di tennis e ha seguito Nadal in alcune delle sue più importanti finali.

Naturalmente, gli invitati alloggeranno negli hotel di lusso della zona. Non è dato sapere se ci saranno invitati italiani, ma la presenza del tricolore è comunque garantita: lo sposo, infatti, vestirà un abito di Brunello Cucinelli, azienda di moda costituita dall'omonimo impenditore, con sede in provincia di Perugia.

D'altra parte, nel settore non siamo secondi a nessuno. Ad occuparsi del catering sarà Macarena de Castro, tra gli chef più importanti di Spagna, per un giorno “scippata” al ristorante “El Jardin de Alcudia” (naturalmente stellato Michelin).

Per intenderci, ha già cucinato per la famiglia reale. A celebrare il matrimonio sarà il sacerdote Tomeu Català, il quale ha già sposato moltissime coppie e non ritiene questo matrimonio particolarmente speciale rispetto agli altri.

“Rafael Nadal è un esempio dei valori che trasmette – ha detto – per questo è circondato da persono che lo amano”. Català conosce la famiglia Nadal da moltissimo tempo. A suo dire, la cerimonia sarà “semplice, intima e personale”, con persone che amano e rispettano i due spesi.

“Per me è sufficiente”. La stampa spagnola scrive che tornerà alle competizioni nove giorni dopo la cerimonia: l'allusione è al Masters 1000 di Parigi Bercy, ma è altamente probabile che in Francia lo facciano esordire al mercoledì (quindi 11 dopo).

E comunque, come detto, il 24 ottobre sarà in Kazakhstan per l'esibizione con Djokovic. Sarà il suo grande rivale, colui che lotta per scippargli il numero 1, il primo collega a fargli gli auguri sul campo.

Proprio perché non ci sarà tempo per il viaggio di nozze (dopo Bercy ci saranno il Masters e le Davis Cup Finals, poi la preparazione per il 2020), la coppia si è già concessa qualche giorno di vacanza alle Bahamas nei giorni scorsi. Una sorta di luna di miele preventiva.