Berlino rivuole il grande tennis: nel 2020 arriva un WTA sull'erba?


by   |  LETTURE 794
Berlino rivuole il grande tennis: nel 2020 arriva un WTA sull'erba?

Berlino è l'unica grande capitale europea priva di un torneo internazionale. A lungo, la città ha ospitato un bel torneo WTA, il German Open. Nato addirittura nel 1896, si è giocato ad Amburgo per oltre ottant'anni, salvo poi spostarsi nel 1979 presso l'LTTC Rot-Weiss Berlin, diventando uno degli appuntamenti preferiti di Steffi Graf: l'ha vinto nove volte, con il primo titolo nel 1986 in una mitica finale contro Martina Navratilova.

L'ultima edizione risale al 2008 (con vittoria di Dinara Safina) e, dopo oltre dieci anni, sembrano maturi i tempi per una rinascita. Ma andiamo con ordine: dopo il ritiro di Steffi Graf (a cui è intitolato il campo centrale da 7.000 posti, inaugurato nel 1996), in Germania c'è stato un vertiginoso calo di interesse verso il tennis femminile.

Nel 2004, gli organizzatori cedettero la licenza alla federtennis del Qatar, che pure ha mantenuto il torneo a Berlino. L'edizione del 2008, tuttavia, ha generato un passivo di 800.000 euro. A quel punto, alzare bandiera bianca era inevitabile.

I nuovi equilibri del tennis mondiale sembrano concedere una chance a Berlino: la capitale tedesca potrebbe acquisire la licenza di Maiorca, torneo erbivoro che si gioca da qualche anno nella seconda delle tre settimane “erbivore” prima di Wimbledon.

Già, perché il nuovo torneo di Berlino non si giocherebbe più sulla terra battuta, ma su erba. Come è noto, il direttore del torneo di Maiorca è Toni Nadal. Tuttavia, la proprietà è tedesca (la Emotion Management GmbH dell'austriaco Edwin Weindorfer) e non sarebbe soddisfatta dell'evoluzione negli ultimi quattro anni.

Il campo centrale non è un granché e il campo di partecipazione patisce la concomitanza con il WTA Premier di Birmingham. Parlando con l'agenzia DPA, Weindorfer (che dirige la Mercedes Cup di Stoccarda e possiede i diritti dell'ATP 500 di Vienna) ha detto che la sua società è in trattativa, da mesi, con la WTA e con Wimbledon: “Berlino è un candidato decisamente interessante”.

Anche l'amministrazione locale appoggia il progetto: un portavoce del dipartimento per gli affari interni e lo sport ha detto detto che la città ha “grande interesse” a diventare la sede di un torneo di alto livello dopo molti anni.

“Sarebbe un'arricchimento al nostro panorama di eventi sportivi”. Come spesso accade, il nodo principale è quello finanziario. Non è chiaro quanto la città sia disposta a investire. “I colloqui sulla possibilità di realizzare un torneo WTA a Berlino, e le relative condizioni, sono in corso.

In questo momento non è prevista una sovvenzione della città”. Secondo alcune indiscrezioni, Berlino non metterebbe mano al portafoglio ma potrebbe dare una mano sul piano organizzativo e infrastrutturale.

Il torneo si giocherebbe presso il Rot-Weiss, ma anche in questo caso c'è da ottenere l'approvazione dei soci a convertire alcuni campi dalla terra all'erba. Reduce da anni di cattiva gestione, il club aveva perso moltissimi soci e anche il campo centrale era stato vittima dell'incuria.

Da qualche tempo, il club è stato preso in mano da Markus Zoecke, ex davisman tedesco. Zoecke ha trasferito a Berlino la sua accademia nell'ottobre 2013 e oggi è direttore sportivo del club. Con lui si allena Rudolf Molleker, una delle più grandi promesse del circuito.

Zoecke ha preferito non parlare, mentre qualche settimana fa si era espresso Dirk Hordorff, vicepresidente della DTB, il quale aveva parlato della possibilità del raggiungimento di un accordo. “Ma bisogna vedere fino a che punto la città sarà disposta a investire”.

Se l'operazione dovessere andare in porto, è difficile immaginare cosa succederà a Maiorca. Scomparirà oppure troverà altra collocazione? In tutto questo potrebbe entrare in ballo anche il tennis maschile: come è noto, Maiorca è una delle due grandi candidate a sostituire il torneo ATP di Antalya, la cui ultima edizione si è giocata il mese scorso.

La principale rivale è Monza, che ha messo sul piatto una location molto suggestiva (il rettilineo d'arrivo del tracciato di Formula 1) e moltissimi soldi, che renderebbe Monza il più ricco tra gli ATP 250.

Si attendeva l'ufficialità già durante Wimbledon, ma per adesso tutto tace. Alcune indiscrezioni facevano pensare che l'ATP avesse scelto proprio Maiorca (Chris Kermode aveva detto che la decisione era già stata presa, ma mancavano ancora le firme).

Così fosse, si potrebbe spiegare il disimpegno dal torneo WTA. Per adesso, tuttavia, siamo ancora nel campo delle ipotesi. A proposito di novità in calendario, sembra che la stessa WTA non sia soddisfatta del torneo WTA di Eastbourne e che possa spostarlo proprio in Germania, a Bad Homburg.

Si tratta di una cittadina di 50.000 abitanti a due passi da Francoforte e sembra avere le strutture ideali per ospitare l'evento, che sarebbe diretto da Markus Gunthardt (già direttore del Porsche Tennis Grand Prix di Stoccarda). Insomma, la Germania potrebbe prendersi due tornei in un colpo solo. Mica male.