Roland Garros tra France TV, Amazon ed Eurosport: facciamo chiarezza


by   |  LETTURE 2105
Roland Garros tra France TV, Amazon ed Eurosport: facciamo chiarezza

Al di là delle frasi di circostanza, non crediamo che la federtennis francese (FFT) sia troppo contenta dell'esito delle trattative per la cessione dei diritti TV del Roland Garros dal 2021 al 2023. Vi abbiamo tenuti aggiornati sulla vicenda: a metà giugno, la FFT aveva lanciato il bando con l'obiettivo di intascare più soldi (anche perché, in effetti, il prodotto acquisirà valore con il tetto sullo Chatrier e il varo delle sessioni serali).

Fino al 2020 intascherà 24 milioni all'anno da France TV ed Eurosport, detentori dei diritti “domestici” (ovvero, per il solo territorio francese): cifra lontanissima da quella sborsata dalla BBC per Wimbledon, ma anche da ESPN per lo Us Open o da Channel Nine per l'Australian Open.

Le offerte pervenute negli uffici parigini erano state ritenute insufficienti, al punto che qualche giorno fa sono stati costretti ad ammettere che sarebbero andati a “trattative private” con i diretti interessati.

Si pensava a una lunga attesa, invece la fumata bianca è arrivata quasi subito: dal 2021 al 2023, in Francia, il Roland Garros sarà trasmesso da France TV e Amazon Prime, la ricca piattaforma americana che sta investendo parecchio sul tennis.

In particolare, è molto forte nel mercato britannico (trasmette Us Open, Masters 1000, ATP 500 e il circuito WTA). Il pubblico francese avrà accesso – dice la FFT – alla piattaforma Prime Video a un prezzo decisamente moderato.

Sul piano economico, non va benissimo: l'incremento sarà del 25% rispetto al contratto precedente: significa che gli incassi dovrebbero attestarsi sui 30 milioni all'anno. Cifra importante, ma il Roland Garros rimarrà il meno remunerativo tra gli Slam.

“I ricavi del Roland Garros consentono alla FFT di finanziare la promozione e lo sviluppo del tennis in Francia” recita il comunicato. Ma andiamo con ordine: France TV si è aggiudicata il “Lotto 1”, il più importante, mentre Amazon Prime il nuovo “Lotto 2”.

La TV pubblica trasmetterà tutte le partite, ad eccezione dei singolari sul Campo Simonne Mathieu e le sessioni serali. Saranno proprio questi i match in onda su Prime Video. Inoltre, semifinali e finali andranno su entrambe le emittenti.

Ridono gli appassionati di tennis in chiaro: con il nuovo accordo, aumentano le ore di trasmissione su France TV. Fino allo scorso anno, le prime quattro ore di trasmissione (dalle 11 alle 15) erano in esclusiva su Eurosport France.

La TV pubblica entrava in scena solo nel pomeriggio. Dal 2021, le dirette scatteranno alle 11 su France 4 o France 5, passando su France 2 intorno alle 14. Al contrario, Prime Video offrirà l'intero programma del Campo Simonne Mathieu, il terzo per importanza, inaugurato quest'anno.

Inoltre, offrirà il match serale sullo Chatrier (non hanno ancora deciso se farlo iniziare alle 20.30 o alle 21). Le sessioni serali inizieranno nel 2021 e non nel 2020, come erroneamente segnalato da più parti.

Altra novità: come già accade in Australia, sarà direttamente la federazione a produrre le immagini del torneo. In sintesi, sarà la FFT a piazzare le telecamere e gestire la regia, scegliendo cosa mostrare sia in Francia che nel resto del mondo (il Roland Garros è trasmesso da 151 emittenti).

Nel suo comunicato, la FFT ringrazia il suo “partner storico” Eurosport, che ha trasmesso il torneo per 27 anni e che “continuerà nel resto d'Europa”. Questa è la notizia più importante per gli appassionati italiani.

Quando è stata diffusa la notizia si è creato un certo smarrimento, dovuto alla scarsa qualità delle informazioni. È opportuno chiarirlo: l'accordo FFT – France TV – Amazon Prime vale esclusivamente per il territorio francese, mentre Eurosport mantiene i suoi diritti paneuropei.

Ergo, continuerà a trasmettere il Roland Garros in tutto il continente (Italia compresa) fino al 2021. Gli accordi attuali durano fino al 2021 per l'Australian Open e fino al 2022 per lo Us Open (al contrario, Sky si è assicurata la trasmissione di Wimbledon fino al 2022).

Il pubblico italiano, dunque, non è toccato dalla novità. Ricordiamo che Eurosport ha recentemente aumentato la sua esposizione in Italia: oltre alla piattaforma di Sky, sarà visibile anche su DAZN (che, in un certo senso, “eredita” quello che apparteneva a Mediaset Premium).

È opportuno ripeterlo: per il 2020 e il 2021 (in attesa di ufficializzazioni sul futuro), il Roland Garros continuerà ad essere regolarmente trasmesso da Eurosport. In Francia – e soltanto in Francia – ci sarà la seguente suddivisione: France TV offrirà TUTTO il torneo ad eccezione delle sessioni serali e i singolari sul Simonne Mathieu.

Tale accordo vale SOLTANTO per il singolare maschile e il singolare femminile. Le restanti competizioni saranno co-trasmesse con Prime Video: qualificazioni, nonché semifinali e finale del doppio maschile e del doppio femminile, oltre alla finale del doppio misto.

Per questi match, la trasmissione è garantita a prescindere dal campo. Inoltre, il Lotto 1 prevede la possibilità di trasmettere due magazine di approfondimento, uno a inizio giornata e uno a fine programma. Al contrario, Amazon Prime offrirà IN ESCLUSIVA tutti i singolari sul Simonne Mathieu e i match della sessione serale dello Chatrier, che si snoderanno per 10 giorni, fino al mercoledì della seconda settimana (dunque ci saranno anche due quarti di finale).

In co-diffusione con France TV, i match di cui abbiamo scritto qualche riga fa, OLTRE a semifinali e finali delle prove di singolare. In aggiunta, Amazon Prime potrà trasmettere un mini-magazine quotidiano più un programma di lancio per la sessione reale.

Dalle semifinali in poi, avrà le stesse possibilità di France TV, con due magazine di approfondimento al giorno.