ROLAND GARROS - Chi fermerà Rafa Nadal?


by   |  LETTURE 3820
ROLAND GARROS - Chi fermerà Rafa Nadal?

Chi fermerà Rafa Nadal? È questa la principale domanda per l'edizione numero 117 dei campionati di Francia, la numero 88 da quando il torneo è diventato internazionale. La risposta non è così scontata, anche perché tutti i principali candidati sono finiti nella metà bassa del tabellone.

Primo quarto – Nadal potrebbe diventare il secondo giocatore di sempre a vincere 11 titoli in uno stesso Slam, e raggiungere così i successi di Margaret Court in Australia. Dovesse trionfare, sarebbe il primo tennista nell'era Open, compresi uomini e donne, con almeno 11 titoli in tre diversi tornei.

Quarto nella classifica all-time per tornei conquistati grazie al 78mo alloro al Foro Italico, il maiorchino deve alzare la coppa dei moschettieri per rimanere numero 1 del mondo. Diventerebbe così il quarto a conquistare quattro major da over 30 dopo Roger Federer, Rod Laver e Ken Rosewall.

Il suo percorso inizierà contro Alexander Dolgopolov che ha sconfitto sette volte in nove confronti diretti. Nadal, che ha un record di 79-2 al Roland Garros, si presenta alla sfida contro l'ucraino, che ha perso gli ultimi quattro incontri contro un top 10, con un record di 19 successi in 20 partite sul rosso quest'anno.

L'undicesima affermazione a Barcellona e Montecarlo e l'ottavo successo agli Internazionali BNL d'Italia hanno incastonato il resto della stagione sulla terra del maiorchino che negli ottavi potrebbe incontrare Jack Sock o Denis Shapovalov, che ha indicato come il talento di nuova generazione che apprezza di più.

È la zona di Coric, che ha un primo turno fra i più interessanti contro Kohlschreiber, che ha vinto due dei tre confronti diretti. Secondo quarto – Il quarto basso della parte alta è la zona di Marin Cilic e Juan Martin Del Potro, che inseguono il secondo major in carriera.

Se l'argentino dovesse compiere l'impresa, diventerebbe il giocatore con più Slam disputati fra primo e secondo titolo (20). Il croato, che l'anno scorso si è spinto fino ai quarti, arriva a Parigi con un record di 18 vittorie e 8 sconfitte in stagione sulla scia della prima semifinale in un Masters 1000 sul rosso a Roma.

Il percorso della testa di serie numero 3 inizierà con il primo confronto diretto in carriera contro l'australiano Duckworth che sul rosso non gioca da oltre 1000 giorni. Cilic, che ha vinto le ultime quattro partite contro un avversario fuori dai primi 200, potrebbe sfidare Fabio Fognini o Kyle Edmund negli ottavi.

Del Potro, che sta recuperando da un infortunio alla gamba sinistra, cercherà all'esordio di allungare a tre la serie di vittorie in altrettanti confronti diretti contro Nicolas Mahut (il francese ha un record di 2-8 nelle ultime 10 partite sul rosso).

Palito, che ha raccolto 23 successi in 29 incontri in stagione, è proiettato verso un ottavo di finale contro Tomas Berdych, semifinalista a Parigi nel 2010, che in caso di titolo diventerebbe il giocatore con più major alle spalle prima del primo titolo (58).

In questa zona di tabellone compare anche Feliciano Lopez, al 65mo Slam consecutivo (eguagliato il record di Federer): Seppi, a quota 52, raggiunge Berdych al sesto posto con 52. Terzo quarto – Al 31mo Slam in carriera, Grigor Dimitrov, testa di serie numero 4, presidia il terzo quarto di tabellone.

Il bulgaro inizia il suo percorso alla Porte d'Auteuil con il sesto confronto diretto contro Viktor Troicki, che ha perso tre volte su cinque ma ha vinto l'unico confronto sul rosso, al primo turno del Roland Garros di due anni fa.

È la zona di David Goffin, che al primo turno cercherà la quinta vittoria in sei sfide contro Robin Haase. Il belga è orientato verso un possibile ottavo contro Nick Kyrgios. È la zona di Gael Monfils, la grande speranza insieme a Lucas Pouille per un primo campione francese al Roland Garros dal trionfo di Yannick Noah del 1983.

La Francia, che aveva espresso nove vincitori nelle prime sedici edizioni “internazionali” del torneo, non vede un giocatore di casa in finale alla Porte d'Auteuil dai tempi di Henri Leconte nel 1988. Novak Djokovic, che inizia contro un qualificato con l'obiettivo di raggiungere la 60ma vittoria al Roland Garros, si ritrova con una versione concentrata di un campo minato.

In linea teorica, il suo cammino prevede sfide contro David Ferrer, la testa di serie numero 13 Roberto Bautista-Agut e Grigor Dimitrov solo per arrivare nei quarti. Il serbo, uno dei soli due giocatori in grado di battere Nadal sul rosso in un match al meglio dei cinque set, ha mostrato buoni segnali di ripresa al Foro.

Ma non abbastanza per credere che possa davvero conquistare il titolo e raggiungere Roy Emerson e Rod Laver nell'elenco dei campioni in grado di affermarsi almeno due volte in tutti i major. Quarto quarto – Dominic Thiem è avviato verso una rivincita della finale di Madrid contro Alexander Zverev nei quarti al Roland Garros.

Due volte semifinalista a Parigi, Thiem potrebbe essere chiamato a misurare al secondo turno le ambizioni di Stefanos Tsitsipas e il valore di Kei Nishikori, battuto da Djokovic a Roma, negli ottavi. Non si presenta agevole nemmeno il cammino di Stan Wawrinka.

Esserci è comunque un successo per lo svizzero che a Ginevra ha firmato la prima vittoria in quasi quattro mesi. Wawrinka apre il suo cammino a Parigi con il tredicesimo confronto in carriera contro Guillermo Garcia-Lopez che ha ottenuto l'ultimo dei suoi tre successi al primo turno del Roland Garros 2014.

Finalista un anno fa, Wawrinka è destinato a scontrarsi con Lucas Pouille, il numero 1 di Francia, al terzo turno, e negli ottavi contro Zverev. Il tedesco, ancora in attesa del primo quarto di finale in un major, debutta contro Ricardas Berankis che non ha mai sfidato in carriera e non gioca sulla terra battuta da quasi un anno.

Sei italiani - Sono sei gli italiani entrati direttamente in tabellone: la 18ma testa di serie Fognini, Seppi, Lorenzi, Cecchinato, Fabbiano e Berrettini. Era dal 2012 (7, senza contare le qualificazioni) che non si registrava una tale presenza italiana nel main draw.

Fognini, inserito nel secondo quarto, sfida all'esordio Andujar, che ha battuto cinque volte su sei. L'azzurro potrebbe trovarsi a sfidare Kyle Edmund per conquistare un posto nell'ottavo contro Cilic. Buone le chances di Fabbiano, che può centrare la quinta vittoria contro un top 100 nelle ultime 24 contro Matthew Ebden (1-0 per l'azzurro i precedenti), e per Marco Cecchinato: alla portata del siciliano il primo confronto diretto contro Marius Copil, che alla distanza potrà contare meno sui colpi di inizio gioco.

Berrettini inizia con un qualificato. Sfortunati invece Paolo Lorenzi, opposto a Kevin Anderson, e Andreas Seppi che incrocia subito Gasquet. In sette incontri, il francese l'ha battuto sei volte. .