Roger Federer, analisi statistica del suo 2014: perchè dimostra 10 anni in meno?



by   |  LETTURE 10298

Roger Federer, analisi statistica del suo 2014: perchè dimostra 10 anni in meno?

La cura Edberg...

Si è tanto parlato del ruolo di Edberg in questa stagione, ed è in effetti apparso palese come Federer abbia cercato di accorciare più spesso gli scambi scendendo a rete; questo però in particolar modo al di fuori dei tornei del Grand Slam.
E' bene specificare questa distinzione, perchè prendendo come esempio proprio Wimbledon, da sempre (e nonostante tutto, PER sempre) considerato il tempio del serve&volley, potremo notare come già prima dell'entrata in scena di Edberg Roger avesse intrapreso nuovi intenti tattici.
Nella finale 2014 le discese a rete sono state 111 (con 44 punti vinti, pari a un 65,5% di successo); nell'arco dell'intero torneo le discese vincenti sono state 180, quelle infruttose 259 (69,5%).
Nella finale vinta su Murray nel 2012, Federer scese a rete 10 volte più che nell'ultima persa da Djokovic.

Ma il dato più eclatante deve ancora arrivare. Quando i campi erano ancora piuttosto rapidi e il serve&volley era ancora una tattica diffusa, Federer scendeva infatti a rete la metà delle volte rispetto ad oggi.

Salvo rare eccezioni solo Nadal, qualche anno più in là, lo ha 'costretto' a venire più avanti. Ecco i dati di tutte le finali Slam di Roger:

2003 Wimbledon..........d. Philippoussis..........3 sets............20 su 29............69%
2004 Australian............d.

Safin..........…….....3 sets............17 su 25............68%
2004 Wimbledon..........d. Roddick..........…....4 sets............27 su 44............61%
2004 USO..........……...d. Hewitt..........……..3 sets............31 su 35............89%
2005 Wimbledon..........d.

Roddick..........……3 sets............17 su 25............68%
2005 USO.........……....d. Agassi..........……..4 sets............15 su 25............60%
2006 Australian............d. Baghdatis..........….4 sets............32 su 41............78%
2006 RG..........……l.

Nadal........….4 sets............30 su 41............73%
2006 Wimbledon..........d. Nadal..........………4 sets............21 su 33............64%
2006 USO..........……...d. Roddick........…......4 sets............26 su 38............68%
2007 Australian............d.

Gonzalez..........…...3 sets............34 su 43............79%
2007 RG..........……l. Nadal..........…4 sets............21 su 34............62%
2007 Wimbledon..........d. Nadal..........………5 sets............30 su 51............59%
2007 USO..........……...d.

Djokovic..........…..3 sets............19 su 24............79%
2008 RG..........……l. to Nadal........…..3 sets............18 su 42............43%
2008 Wimbledon..........l. to Nadal......…....5 sets............42 su 75............56%
2008 USO..........……..d.

Murray........….……3 sets............31 su 44............70%
2009 Australian............l. to Nadal.........….5 sets............43 su 60............72%
2009 RG..........……d. Soderling.........…...3 sets............9 su 11............82%
2009 Wimbledon..........d.

Roddick........….….5 sets............38 su 59............64%
2009 USO..........……...l. Del Potro........5 sets............31 su 47............66%
2010 Australian............d. Murray..........……...3 sets............31 su 43............72%
2011 RG..........……l.

to Nadal........…..4 sets............30 su 41............73%
2012 Wimbledon..........d. Murray.......…….....4 sets............53 su 68............78% Ciò che è realmente migliorato, anche in termini statistici di efficacia, è il servizio.

L'elvetico ha infatti chiuso con un 78,5% di realizzazione con la prima, un 58% con la seconda, conditi dal 64% di prime in campo e una media di 10,3 aces a partita. In carriera i corrispettivi statistici erano 77%, 56%, 61% e 9,8.

Continuità

Il saldo a fine 2014 è di 73 vittorie e 12 sconfitte. Saldo migliore persino rispetto a Djokovic, nonchè rispetto al 2012, anno del ritorno al numero 1 (71-12); peggio solo del 2007 (68-9, con 3 Slam in cascina).

Bisogna tornare alla sua miglior stagione di sempre, il magico 2006, per trovare di meglio nel suo archivio personale. Quel 92-5 sintetizza quella che fu una delle più belle stagioni di sempre nella storia del tennis, non solo di Roger Federer.

Competitività ritrovata

Federer ha chiuso il 2014 con un h2h negativo solo nei confronti con Hewitt, Gulbis e Nadal, non ha avuto tuttavia possibilità di rivincita. Con tutti gli altri ha chiuso in vantaggio, compreso Djokovic (3-2).

La vittima preferita è stata Murray (3-0).
Ne risulta un saldo coi top ten di 17 vittorie a fronte di 5 sconfitte, più di tutti nel 2014 e sopra la sua media in carriera del 65% in questo elitario campo di ricerca.

La voglia di lottare

Solo 3 volte Federer è stato portato al quinto set nel 2014, vincendo in due occasioni ma perdendo la più importante a Wimbledon. Sotto, ma tuttosommato non tanto sotto rispetto alla sua media del 53%.

Federer è però stato l'uomo delle rimonte nel 2014, con 9 match ribaltati su 14 dopo aver perso il primo set. Nemmeno Nadal gli è stato superiore. Sono state 17 su 24 le vittorie al set decisivo. Questi dati superano e non di poco lo storico in carriera dello svizzero, che è stato sul campo in media 9 minuti più del suo solito (1.38 la media di ore in campo nel 2014, contro la media in carriera di 1.29)

Il lupo perde il pelo ma non il vizio Federer è rimasto fedele al suo 40% scarso di palle break convertite.

La media in carriera recita 39.7%; quella del 2014 39,9%. Le pecche E' mancato lo zampino finale, al contrario della simile stagione 2012. Le 10 finali raggiunte nel 2014 vedono infatti in pari il computo di vittorie e sconfitte (5-5, non contando la storica vittoria in Coppa Davis), ben sotto la sua media del 66,7 % di finali vinte in carriera.

In questa sfumatura si spiega il perchè nel 2012 vinse uno Slam e tornò numero 1, obiettivi solo sfiorati quest'anno. La mancanza di cinismo si evidenzia anche nella percentuale di tiebreak vinti, che lo vede in calo di 17 punti percentuali rispetto alla sua media storica dell'81%.

Perchè Roger Federer gioca come un 23enne a 33 anni?
(Continua nelle pagine seguenti - fonte sportskeeda)