F.Lopez: "A Bologna in diecimila anche senza Jannik Sinner e Matteo Berrettini"

L'ex tennista spagnolo si è soffermato sul futuro della Coppa Davis

by Antonio Frappola
SHARE
F.Lopez: "A Bologna in diecimila anche senza Jannik Sinner e Matteo Berrettini"
© Clive Brunskill/Getty Images

Durante la fase a gironi della Coppa Davis, si è parlato molto del format che la più famosa competizione a squadre dovrebbe adottare per non cancellare la storia e abbandonare ogni tradizione. Ad accendere gli animi ci ha pensato Stan Wawrinka.

Lo svizzero ha fatto notare, attraverso il proprio account Twitter, come la scelta di disputare gli incontri in un’unica sede non sia salutare per il torneo. “Grazie, Piquè e ITF. Francia contro Svizzera a Manchester” , ha scritto Wawrinka mostrando le immagini dello stadio vuoto.

L’elvetico ha puntato il dito contro Gerard Piqué, criticato da molti per aver dato un nuovo volto alla Coppa Davis. La società fondata nel 2017 da Piqué aveva acquistato i diritti per l’organizzazione della Coppa Davis nel 2018 e avrebbe dovuto gestire la prestigiosa competizione a squadre per almeno 25 anni.

Lo scorso 12 gennaio, però, l’ITF ha annunciato di aver interrotto con effetto immediato la partnership con Kosmos. La situazione sarebbe degenerata a causa del mancato accordo economico. Piqué non è riuscito infatti a far fronte alla richiesta di 40 milioni di dollari l’anno imposta dall’International Tennis Federation.

Feliciano Lopez difende la "nuova" Coppa Davis

Al termine della lunga diatriba, il caso è stato portato in tribunale da Piqué, Feliciano Lopez è diventato il direttore della Coppa Davis e ha difeso la competizione in un’intervista rilasciata a Punto de Break.

“Ci soffermiamo sulle immagini negative e non su quelle positive. A Bologna c’erano 10mila persone a seguire l’Italia senza Sinner e Berrettini - le parole di Feliciano a Punto de Break - In campo c’era Sonego con Galarneau e 10mila persone sugli spalti, significa che l’Italia vuole vedere il tennis e tifa per la propria nazionale.

Dobbiamo prendere questi casi come riferimento” , ha spiegato Lopez. “Gli appassionati e gli affezionati sono la bellezza di questa competizione. L’entusiasmo di poter tifare per il proprio paese. Noi siamo a disposizione per valutare qualsiasi trasformazione se utile a risolvere il problema” .

Jannik Sinner Matteo Berrettini Coppa Davis
SHARE