Italia ai gironi di Davis Cup 2023, il commento di Filippo Volandri



by   |  LETTURE 2457

Italia ai gironi di Davis Cup 2023, il commento di Filippo Volandri

La semifinale raggiunta nell'edizione 2022 di Coppa Davis ha permesso all'Italia di ottenere dall'Itf una preziosa wild card in vista della manifestazione a squadre dell'anno 2023. La formazione azzurra infatti non disputerà la fase preliminare della competizione a febbraio grazie al pass assegnato e potrà pensare già ai gironi di settembre, che si giocheranno con ogni probabilità in Italia (Bologna candidata numero uno a ospitarli nuovamente).

Un'ottima notizia per il team, che proprio in quest'annata ha rischiato in modo concreto di uscire subito di scena con la Slovacchia, sconfitta solo alla quinta partita da Lorenzo Musetti. Nel 2023 l'Italia cercherà di migliorare il risultato conquistato a Malaga nel mese di novembre, viste le potenzialità di un gruppo che può contare su tanti giocatori di talento, pronti a onorare la maglia azzurra.

È stato questa volta il Canada a fermare il cammino degli azzurri, ancora delusi dalla caduta al penultimo ostacolo, con l'atto conclusivo della manifestazione a un passo. Una 'lezione' che farà certamente riflettere l'intero gruppo, non al completo per uno degli appuntamenti più attesi di quest'ultima parte di stagione.

Le parole di Volandri

Volandri ha parlato della wild card in un'intervista rilasciata alla Gazzetta dello Sport: "Ripartire direttamente da settembre, saltando i preliminari di febbraio, ha due facce come ogni medaglia: il lato positivo è che che se avessimo dei giocatori che arrivano alle fasi finali degli Australian Open rischieremmo di non averli per il playoff, ma dall’altra parte è un’occasione in meno di stare insieme e fare gruppo.

Ho impostato così il lavoro da quando ero direttore tecnico del settore maschile e continuo anche ora che sono capitano. Penso che avere un contatto costante permetta di avere sempre considerazione e rispetto delle necessità degli uni e degli altri.

Sono molto fortunato, perché il meccanismo funziona e ogni volta che chiedo qualcosa ognuno di loro fa tutto il possibile per accontentarmi" è il parere espresso dopo la decisione presa dall'Itf. Photo credit: Getty Images.