Davis Cup Finals - Aliassime, Shapovalov e Canada sul tetto del mondo: Australia ko



by   |  LETTURE 2714

Davis Cup Finals - Aliassime, Shapovalov e Canada sul tetto del mondo: Australia ko

Dopo la finale datata 2019 e la vittoria in Atp Cup di inizio stagione, il Canada trionfa per la prima volta nella sua storia in Davis Cup. Un trionfo storico, appunto, impreziosito dalla presenza di un Felix Auger Aliassime che a cavallo tra quarti e finale vince tutto e vince sempre.

Decisiva nello specifico dell'ultimo atto la più che legittima lezione di tennis che Denis Shapovalov impartisce al 'povero' Thanasi Kokkinakis, presumibilmente fuori da un contesto alla sua portata. Il Canada evita così l'annosa questione doppio e con il 6-3 6-4 di Aliassime diventa la sedicesima squadra a trionfare nella competizione.

Dopo la sconfitta con Lorenzo Sonego, dicevamo, per Denis Shapovalov quella con Thanasi Kokkinakis è purissima formalità. Il talento canadese, che serve meglio e che soprattutto legge con incredibile facilità gli angoli del tennista australiano, arpiona due break in avvio e si porta sul 4-0 senza particolari difficoltà.

Con Kokkinakis decisamente troppo morbido da fondocampo per pensare solo minimamente di poter fare partita pari. Il 6-2 iniziale fa da sfondo a un secondo set un pizzico più equilibrato, con Kokkinakis che prova a cambiare qualcosa e a concedere meno punti di riferimento.

Quanto meno a rimanere appiccicato di più alla sfida con il servizio. Poco da fare, 'Shapo' rompe il giocattolo alla prima opportunità utile e alla soglia dei novanta minuti di gioco sigilla il 6-2 6-4 finale e regala al Canada il punto del momentaneo 1-0.

Dopo quattro game di puro studio, condizionati da cinque palle break totali, la partita si assesta sul delicatissimo binario degli equilibri. Regolati inevitabilmente dal servizio. Almeno fino al 4-3, momento che decide inevitabilmente la partita.

Aliassime condensa la stragrande maggioranza delle attenzioni fisiche e mentali nei pressi del primo traguardo e dopo il break, chiude in maniera piutto autoritaria la prima frazione. A decidere il secondo set è invece un early-break, con de Minaur a corto di benzina nel serbatoio e soprattutto di armi sufficientemente valide per opporre resistenza al tennis regolare e potente del canadese.

Chiamato a difendere un vantaggio di 3-1, Aliassime concede un non-banale 0-40 nel sesto game e si porta sul 4-2 con una mini-rimonta straordinaria e non apporta più particolari modifiche al copione.