Davis Cup Finals - Sonego non si ferma più: ko Shapovalov. Italia-Canada 1-0



by   |  LETTURE 2506

Davis Cup Finals - Sonego non si ferma più: ko Shapovalov. Italia-Canada 1-0


Dopo Frances Tiafoe, Lorenzo Sonego annota sul taccuino delle vittime a Malaga anche Denis Shapovalov e regala ancora una volta il punto del momentaneo 1-0 alla squadra di Filippo Volandri. Continua il momento magico del tennista azzurro, che rimedia a una serie di nove punti contro in avvio e che a poco a poco entra in partita.

Anche se nel tie break del secondo set spreca una situazione di 5-2 e si ritrova al terzo. Grande, grandissimo cuore di 'Sonny' che cancella tre palle break sul 3-3 e che alla fine chiude sul 7-6 6-7 6-4, complice anche tre doppi falli consecutivi nel decimo game del terzo di Shapo.

Sulla racchetta di Lorenzo Musetti contro Felix Auger Aliassime la chance di portare l'Italia in finale. Brutale la partenza per Sonego, che muove il punteggio sostanzialmente dopo nove punti e che sotto 0-2 si ritrova sul 30-30.

Il tennista azzurro, che entra con un pizzico di ritardo in partita, vince i primi due quindici del quarto game, ma non trova soluzioni sufficientemente valide per procurarsi una palla per il controbreak. 'Shapo' concede comunque due errori gratuiti entrambi con il rovescio e rimette in carreggiata Sonego.

Le dinamiche cambiano completamente, con il tennista azzurro che si tranquillizza e soprattutto non concede punti di riferimento da fondocampo. Tant'è che 'Shapo' è costretto a tenere sempre il piede saldo sull'acceleratore e a ridurre il numero degli scambi prolungati.

Tra le altre cose anche a risalire dal 30-40 nel sesto game. Sonego si procura un'altra chance per il 4-2 dopo un'altra splendida accelerazione di rovescio che battezza nei pressi della rete con una volée piuttosto comoda, ma rimane succube del pressing canadese.

Nonostante le due palle break a disposizione, in una partita decisamente altalenante, Shapo non riesce a rimettere la testa avanti. Complice anche il servizio dell'azzurro che funziona a dovere nel momento di massima difficoltà.

Il nono game si rivela in salita per Sonego, che con due errori banali si ritrova dal 30-0 al 30-30 ad annullare palle break. Alla fine a rivelarsi democratico è il jeu decisif. Un colpo in risposta in avvio. Tanto basta a Sonego per prendere il controllo totale della faccenda e per schizzare sul 4-1, complice anche lo schema servizio-dritto che funziona alla perfezione.

'Sonny' risponde in maniera perfetta anche nel sesto punto e con un mega-parziale di 5-1 da custodire, dilapida entrambi i mini-break di vantaggio. 'Sonny' si apre comunque il campo con una splendida risposta di dritto e si procura i primi due set point.

Il canadese perde poi il controllo del dritto alla fine di uno scambio piuttosto prolungato e 'regala' il primo set alla squadra di Volandri. Decisamente più lineare la seconda frazione, con il servizio decisamente più protagonista e la partita che viaggia sul binario dell'equilibrio senza deragliare mai in alcuna maniera.

Nonostante qualche legittimo 30-30 sparso qua e là. Quanto meno fino al 4-5, quando Sonego scivola sullo 0-40 complice qualche cattiva scelta tattica. Di cuore, di tigna e di pura volontà il tennista azzurro cancella complessivmaente cinque set point e ricompatta il punteggio sul 5-5.

Ancora tie break, ancora parità. Questa volta a non sfruttare il minibreak di svantaggio però è il canadese, che dal 2-1 con la battuta a disposizione scivola sul 2-3. Sonego, però, trema nel momento più importante.

Butta un dritto al volo piuttosto comodo sul 5-4 e spreca tutto sul 5-5 con un doppio fallo. A 'Shapo' basta una prima vincente per rimettere i giochi in parità alla soglia delle due ore e venti di gioco. Shapovalov non sfrutta due chance di break in avvio, cancella uno 0-30 nel game immediatamente successivo e sotto 1-2 chiede l'intervento del fisioterapista per un problema alla schiena.

'Sonny' flirta con il break sul 3-2, 'Shapo' sul 3-3. La spallata decisiva sul 5-4, con Shapovalov che commette tre doppi falli consecutivi nel decimo game e regala di fatto la partita a uno stoico Sonego.