Coppa Davis - Sogno Musetti: batte Gombos e regala la qualificazione all'Italia



by PERRI GIORGIO

Coppa Davis - Sogno Musetti: batte Gombos e regala la qualificazione all'Italia

Una prima volta nella prima volta. Sul piatto anche un biglietto per le Finals di Coppa Davis. Lorenzo Musetti, che aveva esordito nella competizione insieme a Fabio Fognini tra le mura di casa, alla prima occasione in singolare regala alla squadra di Filippo Volandri la qualificazione.

Dopo un week-end complicatissimo (reso ancora più difficile dal passo falso di Lorenzo Sonego nella seconda sfida) la nazionale azzurra chiude sul 3-2 a Bratislava contro una splendida Slovacchia. Niente da fare per Norbert Gombos, che non sfrutta neanche un set di vantaggio e che rimedia solamente a metà alla fuga di Musetti nel terzo set.

Finisce 6-7(3) 6-2 6-4. Un primo set prevalentemente povero di scossoni, con Gombos che applica alla perfezione lo schema servizio-dritto e che tenta in tutti i modi di accorciare il numero degli scambi prolungati. Musetti, pur senza trovare delle alternative, rimane agganciato al punteggio e si difende in maniera straordinaria sul 4-5.

Anche se scivola sul 15-40 con un dritto in fase di impostazione. Il talentino azzurro, che dopo un ace sfrutta un nastro piuttosto fortunato, ricompatta il punteggio e aggancia quanto meno il tie break. Più lucido, e decisamente più preciso, il tennista slovacco ai piedi del primo traguardo.

‘Lollo’ perde i primi cinque punti e rimedia solamente fino al 6-3. Fatale nel finale un errore di dritto in lungolinea. Musetti abbandona completamente i convenevoli. Si affaccia al secondo set con un turno di battuta praticamente perfetto e sul 40-40 (nel game immediatamente successivo) si procura la seconda palla break del match con una soluzione piuttosto comoda nei pressi della rete.

Figlia di una splendida soluzione in recupero con il rovescio. Dopo aver flirtato con il break in avvio, il numero due del gruppo Italia riesce a mettere la testa avanti e addirittura a consolidare il vantaggio nel finale. Sulle ali dell’entusiasmo, e con un pacchetto di soluzioni decisamente più ampio, il talentino azzurro pizzica con più continuità l’avversario sulla diagonale destra e mantiene altissima anche la percentuale di punti con la prima palla.

Finita? Macché. Gombos, ovviamente deresponsabilizzato dalla situazione di punteggio, lascia andare completamente il braccio e rientra prepotentemente sul 3-3. A decidere le sorti della sfida è il decimo game, con ‘Muso’ che nel momento presumibilmente di massima difficoltà accumula la stragrande maggioranza delle attenzioni.

Dopo un robusto scambio sul 15-30 che porta il match point, il tennista azzurro non trema e con il sostegno del nastro (su un tentativo disperato di Gombos nei pressi della rete) acciuffa la vittoria alla prima opportunità utile.

Coppa Davis