Davis Cup Finals: Djokovic non basta. In finale ci va la Croazia



by   |  LETTURE 3281

Davis Cup Finals: Djokovic non basta. In finale ci va la Croazia

Sarà la Croazia la prima finalista della Coppa Davis 2021, che andrà alla ricerca del suo terzo successo nella storia della competizione. La coppia croata Mektic-Pavic si è imposta con il punteggio di 7-5 6-1, facendo svanire i sogni di Djokovic di riportare la coppa in Serbia dopo 11 anni.

In finale la squadra croata affronterà domenica 5, sempre a Madrid, la vincente tra Russia (la favorita per il successo finale) e la Germania. Tra i tifosi presenti in tribuna a sostenere la sua nazionale anche Modric, calciatore del Real Madrid, che ha esultato insieme agli altri tifosi accorsi in Spagna per sostenere la squadra di Cilic.

Primo set combattuto, nel secondo non c'è storia

Il primo set fila liscio fino al 12esimo game, quando la coppia croata numero uno del ranking sfrutta la sesta palla break concessa dai serbi nel set e ottiene il break sul servizio di Krajinovic.

I due tennisti croati al servizio lasciano soltanto le briciole agli avversari, concedendo soltanto 8 punti. Nel secondo parziale l’equilibrio invece si rompe subito, con Mektic e Pavic che ottengono un altro break sul servizio di Krajinovic e scappano avanti 4-1.

Djokovic e Krajinovic danno segnali di resa, il numero 1 del mondo perde anche il suo servizio e si arrendono sotto i colpi degli esperti doppisti croati, che chiudono concedendo soltanto una palla break in tutto il match, proprio nell’ultimo game della partita.

Troppo forte la coppia croata per i serbi. Djokovic e compagni possono recriminare per la sconfitta di Lajovic, numero 69 al mondo, contro il numero 279 Gojo, protagonista di una settimana da favola, in cui ha battuto anche Popyrin ed il tennista azzurro Lorenzo Sonego.

Svaniscono dunque le possibilità di poter assistere al quarto match dell’anno in una finale tra Medvedev e Djokovic. Il russo domani sarà impegnato contro la Germania, scontro in cui la sua nazionale parte decisamente favorita, vista la presenza, oltre che del numero due del ranking ATP, di Rublev, Karatsev e Khachanov. I tedeschi partono sfavoriti, ma guai a dare per scontato il risultato. Photo by Kosmos Tennis