Mahut, Grosjean e Millman attaccano Piqué e la nuova Coppa Davis



by   |  LETTURE 572

Mahut, Grosjean e Millman attaccano Piqué e la nuova Coppa Davis

L’ITF ha annunciato lo scorso 26 giugno che le Davis Cup Finals e la Fed Cup non si disputeranno questa stagione. Le più importanti competizioni a squadre si giocheranno quindi il prossimo anno a causa dell’emergenza sanitaria.

La scelta dell’ITF non ha trovato tutti d’accordo ed alcuni giocatori hanno espresso il proprio dissenso nei confronti della decisione finale.

I giocatori reagiscono alla decisione presa dall'ITF sulla Coppa Davis

John Millman, attuale numero 43 del mondo, in un post pubblicato su Twitter ha scritto: “Le incongruenze sono fastidiose.

Due mesi prima della Davis, dovremmo giocare un torneo nella stessa sede, al Madrid Open. Per quanto riguarda il pubblico, nel 2019 c’èra stato già una chiaro distanziamento sociale” . Sono poi arrivate puntuali le provocazioni di Nicolas Mahut e di Sebastien Grosjean, capitano della squadra francese di Coppa Davis.

“Ho l’impressione che Piqué non sia una persona che cerchi soluzioni. Vorrei che avesse messo per la salvezza di questa edizione la stessa energia che ha messo nella distruzione di una competizione centenaria” , ha spiegato Mahut a We Love Tennis.

Grosjean ha invece discusso dell’argomento in un’intervista al quotidiano “L’Equipe” . “Onestamente non mi aspettavo che il torneo venisse cancellato così in fretta. Avremmo forse potuto giocare a novembre.

Considerato che tutti pensano che la situazione negli Stati Uniti migliorerà ad agosto ed in gran parte dell’Europa a settembre, penso che avrebbero dovuto aspettare ancora un po’ prima di prendere una decisione definitiva.

Ho parlato con Galo Blanco e mi ha spiegato i motivi che hanno spinto gli organizzatori a non giocare il torneo quest’anno” . Pique, presidente del Gruppo Kosmos, aveva cosi annunciato la cancellazione dello storico torneo.

"E’ una grande delusione per tutti noi che le finali di Coppa Davis non si terranno nel 2020. Non sappiamo come si svilupperà la situazione nelle nazioni qualificate e se le restrizioni in Spagna saranno sufficientemente ridotte.

E’ impossibile prevedere la situazione a novembre e garantire la sicurezza di coloro che viaggiano a Madrid. Questo rinvio non ha alcun impatto a lungo termine sulle nostre ambizioni in merito allo sviluppo e alla crescita della Coppa Davis. ITF e Kosmos Tennis non vedono l'ora di offrire una competizione eccezionale nel 2021" .